Le cupole della chiesa di San Lorenzo e della Moschea di Córdoba, misteri di archi e luce

La chiesa di San Lorenzo custodisce una delle cupole più belle di Torino, la più bella, si potrebbe definire, insieme alla "sorella", la cupola della Cappella della Sindone, non a caso dello stesso architetto, Guarino Guarini. Di lei si sa tutto o quasi da un punto di vista statico, sono meno chiare le influenze culturali, che ispirarono il frate teatino: cosa gli ispirò l'idea di una cupola formata da otto archi intersecantisi, a formare una stella a otto punte e un ottagono su cui impostare la lanterna? Le influenze culturali sono una delle parti più interessanti dell'architettura, che non si limita a metterci un tetto sulla testa, ma è prodotto di idee, tradizioni, contaminazioni e racconta anche il modo di vivere e di pensare, i valori di una società.  La cupola della chiesa di San Lorenzo a Torino (sin), la cupola sul mihrab delal Mezquita di  Córdoba (des) entrambe le foto, da Wikipedia Una delle ispirazioni più chiare di San Lorenzo è la cupola della maqsura

Atmosfere parigine e chic nella Galleria Subalpina di Torino

Se c'è un posto di Torino che risponde bene all'idea di eleganza e al gusto parigino per gli spazi urbani della città, questo è la Galleria Subalpina, che collega piazza Castello a piazza Carlo Alberto, nella parte più centrale del cuore cittadino.
Non è una semplice galleria commerciale, di quele che andavano di moda nel XIX secolo. Per esempio: al suo interno non trovate negozi che non siano chic e vagamente snob, come, in fondo, è lo spirito più autentico della torinesità. Sulla Galleria Subalpina si affacciano le vetrine di Baratti & Milano, uno dei caffè più rinomati ed eleganti della città, un negozio di antiquariato, una libreria antica, il ristorante Arcadia, uno dei più apprezzati della città. Tutte attività, come si può vedere, che si rivolgono a un pubblico colto, attento e intelligente e che niente hanno a che vedere con le volgarità della globalizzazione e dei prodotti che si trovano ovunque.
E al muoversi nella Galleria, con la luce che piove dal tetto in vetro e ferro, tra architetture che richiamano il barocco e lo stile parigino, si sente quest'atmosfera rarefatta e atemporale, quasi una sosta tra i ritmi frenetici della città, che le vetrine rimandano.
La Galleria Subalpina compie quest'anno 139 anni: la sua inaugurazione è avvenuta il 30 dicembre 1874; il progetto è di Pietro Carrera, le sculture sono di Pietro Rubino, che ha realizzato anche il Faro della Vittoria, sul Colle della Maddalena, che un tempo girava a illuminare Torino e la vallata di Chieri e che oggi rimane fisso (peccato), a vegliare sulla città.
Se cercate un'immagine per identificare Torino, non guardate alla Mole Antonelliana, a piazza San Carlo o alla corona delle Alpi in una giornata di primavera. Guardate alla Galleria Subalpina. 


Commenti