Il Giardino dell'Antico Egitto, che sarà una serra dal 2024, al Museo Egizio

Un nuovo spazio verde nel cuore di Torino da non perdere di vista, stavolta in uno dei suoi cortili più frequentati, quello del Museo Egizio. Il Cortile Aperto: Flora dell'antico Egitto è un giardino aperto gratuitamente nello spazio che porta verso la biglietteria, ed è il primo passo della trasformazione dell'intera corte, in vista delle celebrazioni per il bicentenario del Museo, nel 2024. Il cortile interno "del seicentesco palazzo del Collegio dei Nobili, che verrà coperta da una cupola in acciaio e vetro, al di sotto della quale ci sarà un giardino egizio permanente, di cui ora viene inaugurata una prima parte" anticipa il comunicato stampa. Tra le piante selezionate, "il loto azzurro, con i suoi fiori che si schiudono all'alba per poi richiudersi al tramonto, simbolo di rinascita e rigenerazione e non può mancare il papiro, che originariamente cresceva in fitte paludi lungo il Nilo o lungo il suo delta ed era la pianta araldica del Basso Egitto&qu

Sembra la luna piena, è la Mongolfiera nel cielo notturno di Torino

Se in queste notti di fine luglio siete stati in giro per Torino, passeggiando per piazza Castello, attraversando corso Principe Eugenio (il posto migliore!) o soffermandovi sulla riva destra dei Lungodora, magari l'avrete notata. Sembra una luna piena di mezza estate e invece è la mongolfiera, che da Borgo Dora (più precisamente dal Giardino Cardinale Pellegrino, in piazza Borgo Dora 1), sale nel cielo di Torino, a offrire inediti panorami a 360° della città.
Funziona tutti i giorni, con tempo ovviamente favorevole, si solleva fino a 150 metri, per circa 20 minuti, il biglietto costa 15 euro (tutte le info sul sito ufficiale della Mongolfiera).
Il panorama dall'alto dev'essere imperdibile, soprattutto all'imbrunire e di notte, ma anche la Mongolfiera, vista dal basso, nello skyline notturno del centro, ha il suo fascino, come mostrano queste foto.
Su repubblica.it, c'è una galleria fotografica dedicata ai voli notturni e a Torino vista da lassù.


Commenti