La notte che verrà, installazione itinerante di luci e suoni per la rinascita della Dora

Un'installazione di luci e suoni che il 28 luglio 2021 dalle ore 22 percorrerà entrambe le rive della Dora, dal Campus Einaudi al Parco Dora, per celebrare il via a 19 progetti che cambieranno il volto ai quartieri che vi si affacciano, migliorando la qualità della vita dei residenti. La notte che verrà , questo il suo nome, " trasporterà, cullata dal fiume, le voci, le lingue e le storie narrate dagli abitanti dei quartieri lungo il suo corso" spiega il comunicato stampa "I ponti di luce, trasportati da veicoli 100% elettrici, si muoveranno lungo gli argini del fiume e andranno a valorizzare, grazie al disegno luminoso, i luoghi simbolo dei quartieri. Sarà una coreografia in movimento che toccherà i ponti Carpanini, Livorno e Washington; che visiterà il Parco Dora, la Biblioteca Italo Calvino, il Campus e Borgo Dora, tutti luoghi simbolo di inclusività e condivisione. Ponti di luce tra le persone che condividono uno spazio sia reale, sia interiore. Al termine del pe

That's a Mole: disegna la Mole Antonelliana e vinci 1000 euro

Da elemento irrinunciabile dello skyline torinese a musa della creatività.
La Mole Antonelliana è protagonista di That's a Mole, un concorso lanciato dalla Fondazione Contrada, per, recita il bando internazionale di illustrazione, "valorizzare una delle icone più importanti della città, attraverso l'interpretazione artistica e creativa della sua particolarissima sagoma".
I partecipanti al concorso dovranno elaborare la loro interpretazione della Mole, attraverso le tecniche che preferiranno. Si potranno utilizzare fotografia, collage, matite, tecniche digitali, avendo sempre presente la sagoma della Mole fornita nel bando di concorso (è possibile inserire nel proprio lavoro elementi che sporgano dall'opera, a patto che la Mole sia sempre riconoscibile); per le opere manuali è richiesto di non superare i 40 cm di altezza, siano esse su carta/cartone, collage, fotografia e oggetti tridimensionali; per le opere digitali, che devono essere trasmesse in formato jpeg o pdf, non bisogna superare i 10 MB. 
Il concorso è aperto a cittadini italiani e stranieri, residenti in Italia o all'estero e senza limiti di età.
Le domande di partecipazione possono essere presentate individualmente o collettivamente; ogni partecipante, singolarmente o in gruppo, può presentare un massimo di tre proposte.
Una volta presentate le opere, entro il 18 aprile 2014, la giuria le valuterà in base a criteri di originalità, leggibilità e adattabilità ai materiali e ai diversi mezzi di comunicazione per l'esposizione finale.
La proposta vincitrice riceverà un premio di 1000 euro; altre 24 proposte saranno esposte, insieme a quella vincitrice, nel centro di Torino, in occasione dei festeggiamenti di S. Giovanni del 24 giugno.
Tutte le info, nel sito www.thatsamole.com, in cui troverete anche il regolamento, la sagoma della Mole, una pratica serie di FAQ, che aiuta a chiarire molti dubbi, gli indirizzi per i contatti, tutto in Home Page.


Commenti