Le nuove infrastrutture di Torino, con il PNRR: treni, metropolitana, tram

La Stampa ha pubblicato ieri un articolo molto interessante sulle infrastrutture che i finanziamenti del PNRR potrebbero portare a Torino. Dalla linea 2 della metropolitana al Servizio Ferroviario Metropolitano, ai trasporti pubblici di superficie, Torino potrebbe fare davvero un bel salto avanti, proponendo a cittadini e turisti una rete di collegamenti di livello finalmente europeo e contemporaneo. Il dossier presentato dalla Città al Governo prevede non solo la realizzazione della linea 2 della Metropolitana, da Rebaudengo a Orbassano, passando, attraverso il trincerone di via Gottardo, per Vanchiglia, centro storico e Politecnico, ma anche, scrive Maurizio Tropeano, "l'ammodernamento della rete su cui viaggiano i treni del servizio ferroviario metropolitano". In particolare, verranno realizzate le fermate San Paolo, Ferriera Buttigliera, S. Luigi Orbassano e Grugliasco Le Gru e verranno completate le stazioni Dora, sotterranea, e Zappata (per queste ultime due, Trope

Quando sul tetto di Palazzo Madama c'era l'Osservatorio Astronomico di Torino

Prima di trovare sede in collina, a Pino Torinese, l'Osservatorio Astronomico di Torino ebbe sede sul tetto di Palazzo Madama.
Certo, l'edificio più antico e singolare di Torino, l'unico sorto intorno a una porta romana, l'unico, come dicono, 'con una facciata senza edificio alle spalle', ne ha viste di tutti i colori nei suoi due millenni di storia, ma questa è davvero sorprendente.

L'Osservatorio su Palazzo Madama

La storia risale al 1822, quando l'astronomo Giovanni Plana, una delle figure più importanti della storia dell'astronomia torinese, portò i suoi strumenti dall'Accademia delle Scienze a Palazzo Madama, per iniziare l'osservazione dei cieli in maniera sempre più sistematica; e sui tetti dell'edificio costruì un vero e proprio osservatorio.
Ma non si trattò, evidentemente, di una scelta felice: al centro di piazza Castello, l'Osservatorio si vide sempre più limitato dall'inquinamento luminoso e all'inizio del XX secolo si decise il trasloco a Pino Torinese, dove si trova tuttora. I tetti di Palazzo Madama ritornarono alla loro funzione originaria e dell'epoca in cui furono trasformati in Osservatorio Astronomico cittadino rimangono solo poche foto, reperibili anche in Rete. Eccone una e si può dire: per una volta, meglio com'è adesso.



Commenti

  1. Quante cose non si sanno quando si osserva qualcosa. Ognuna nasconde delle storie belle e brutte.

    RispondiElimina

Posta un commento