50 anni di FUORI! e lotte LGTB, in mostra al Polo del '900

Per celebrare i 50 anni dalla nascita del primo movimento per i diritti delle persone omosessuali, FUORI!, il Polo del '900 e il Museo Diffuso della Resistenza (corso Valdocco 4a) hanno preparato la mostra FUORI! 1971 – 2021. 50 anni dalla fondazione del primo movimento omosessuale in Italia , che potrà essere visitata dal 23 settembre al 24 ottobre 2021 (orario martedì-domenica, ore 10-18, ingresso gratuito). Il percorso espositivo ripercorre le tappe salienti e indaga i protagonisti del FUORI!, lungo il decennio 1971-1981, in cui movimento e rivista convissero; emerge, forte, la figura del suo fondatore Angelo Pezzana, presidente della Fondazione Penna/FUORI!, ispiratore dello spirito del Fuori!. Vari focus e approfondimenti fotografano il contesto storico-sociale prima della nascita del movimento italiano, con un ampio spazio alla rete di relazioni con il mondo dell'arte e della letteratura internazionale che Pezzana seppe tessere, avendo come base la libreria Hellas di Tori

Quando sul tetto di Palazzo Madama c'era l'Osservatorio Astronomico di Torino

Prima di trovare sede in collina, a Pino Torinese, l'Osservatorio Astronomico di Torino ebbe sede sul tetto di Palazzo Madama.
Certo, l'edificio più antico e singolare di Torino, l'unico sorto intorno a una porta romana, l'unico, come dicono, 'con una facciata senza edificio alle spalle', ne ha viste di tutti i colori nei suoi due millenni di storia, ma questa è davvero sorprendente.

L'Osservatorio su Palazzo Madama

La storia risale al 1822, quando l'astronomo Giovanni Plana, una delle figure più importanti della storia dell'astronomia torinese, portò i suoi strumenti dall'Accademia delle Scienze a Palazzo Madama, per iniziare l'osservazione dei cieli in maniera sempre più sistematica; e sui tetti dell'edificio costruì un vero e proprio osservatorio.
Ma non si trattò, evidentemente, di una scelta felice: al centro di piazza Castello, l'Osservatorio si vide sempre più limitato dall'inquinamento luminoso e all'inizio del XX secolo si decise il trasloco a Pino Torinese, dove si trova tuttora. I tetti di Palazzo Madama ritornarono alla loro funzione originaria e dell'epoca in cui furono trasformati in Osservatorio Astronomico cittadino rimangono solo poche foto, reperibili anche in Rete. Eccone una e si può dire: per una volta, meglio com'è adesso.



Commenti

  1. Quante cose non si sanno quando si osserva qualcosa. Ognuna nasconde delle storie belle e brutte.

    RispondiElimina

Posta un commento