Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Aprile, il mese della Resistenza: gli appuntamenti di Torino per celebrare la lotta antifascista e la Liberazione

Aprile non è dolce dormire. Non a Torino, dove il primo mese di primavera coincide con numerosi anniversari legati alla lotta contro il fascismo e il nazismo. E' stato ad aprile che nel 1945 Torino, come molte città dell'Italia settentrionale, è stata liberata dai tedeschi e dai loro alleati. Ed è dunque aprile il mese in cui si ricordano i valori partigiani, la difesa della libertà e indipendenza, le promesse di uguaglianza e giustizia.
Per quest'anno sono state messe a punto numerose iniziative, apparentemente slegate, ma tutte vicine ai valori della Resistenza. Per esempio, alla Festa della Liberazione, il Torino Jazz Festival dedica i concerti del 25 aprile, con un'anteprima nel Porticato del Museo Diffuso della Resistenza, in cui ci sarà, dalle 15.30, un pomeriggio di musica e letture dedicati alla Resistenza e alla Liberazione.
Le celebrazioni sono iniziate con il ricordo dei caduti della Strage del Martinetto, il 4 aprile, ma le iniziative istituzionali prevedono numerose cerimonie, per ricordare le date del drammatico aprile torinese del 1945. Culmineranno con la fiaccolata del 24 aprile, alle 20.30, da piazza Arbarello a piazza Castello, e con l'omaggio ai caduti, il 25 aprile alle 10, nel Cimitero Monumentale.
Per tutto il mese ci saranno proiezioni di film e documentari, conferenze, presentazioni di libri, che racconteranno la lotta antifascista, la Resistenza, la lotta partigiana, affinché non vada perduta la memoria di quei giorni e, soprattutto, affinché i più giovani non dimentichino su quali valori è fondata l'Italia repubblicana. Il punto di riferimento è il Museo Diffuso della Resistenza, in corso Valdocco 4/a, ma ci sono numerose iniziative in tutta la città.
Potete trovare tutti gli appuntamenti nella brochure preparata dal Comune di Torino, facilmente scaricabile, in .pdf.


Commenti