Lungo i Sentieri dei Frescanti, gli affreschi e i tesori d'arte più antichi del Roero

Un'estate che non invita i più prudenti ai viaggi all'estero quanto alla (ri)scoperta del proprio territorio. E tra le cose da scoprire alle porte di Torino, ci sono i Sentieri dei Frescanti, che si sviluppano nel Roero e che per tutta l'estate aprono le porte di piccole chiese, cappelle e santuari che punteggiano le colline tra Alba e Asti, a circa un'ora di macchina dal capoluogo piemontese. È un circuito davvero affascinante, che svela la storia millenaria e le culture di un'area famosa per la bellezza del suo paesaggio e la ricchezza della sua enogastronomia. Affreschi nella Cappella di San Servasio a Castellinaldo d'Alba (sin) il Santuario della Madonna di Tavoletto, a Sommariva Perno (des) Mi piace come il comunicato stampa descrive questa ricchezza storica e culturale, un vero affresco di genti: i Sentieri dei Frescanti "si snodano infatti attraverso castelli, chiese cittadine, cappelle campestri, un tempo asilo e protezione per i pellegrini che p

Il Menù Degustazione del ristorante Del Cambio di Torino, riaperto dopo i lunghi restauri

Dici Ristorante Del Cambio a Torino e non è solo un ristorante. E' la Storia, con Camillo Benso conte di Cavour, uno dei clienti affezionati più famosi; è l'eleganza, con le atmosfere raccolte di piazza Carignano, è l'esclusività, con i prezzi che non sono per tutti. Il ristorante più caro di Torino, lo liquidano rapidamente quelli che non sanno e non colgono tutto quello che rappresenta per i torinesi.
Per questo la riapertura del Cambio, dopo i lunghi restauri che lo hanno trasformato, mantenendo intatte le atmosfere care al Conte di Cavour, è un piccolo grande evento cittadino. Un paio di settimane fa il Cambio rinnovato è stato presentato alla stampa e i media hanno riportato ammirati le trasformazioni del locale, la cura dei dettagli nei restauri, l'invenzione del Bar Cavour, un nuovo spazio per l'happy hour, al primo piano, in modo da captare un pubblico più vasto, l'imponente e ambiziosa cantina, con 16mila bottiglie di oltre 1900 etichette. Il tutto con la partecipazione di artisti contemporanei come Michelangelo Pistoletto, Pablo Bronstein e Izhar Patkin, che hanno curato allestimento e decorazioni delle varie sale del ristorante, sia quelle ottocentesche, in cui Camillo Benso si sentirebbe ancora a proprio agio, sia quelle contemporanee, rivolte ai torinesi e a i turisti che vogliono conoscere da vicino una delle leggende viventi della città.
La star del Cambio, però, è lo chef, Matteo Baronetto, classe 1977, torinese della cintura (è nato a Giaveno), per vent'anni accanto a Carlo Cracco, prima di lanciarsi in questa sua prima grande avventura. Il Ristorante Del Cambio come prima prova in solitario: roba che a un torinese dovrebbe far venire i brividi, solo a pensarci. Baronetto, che ha le idee molto chiare sul ristorante che vuole, ne ha parlato in questi giorni ai media (vedi l'intervista su dissapore.it e la videointervista di oggi su lastampa.it), sottolineando la voglia di tornare a Torino e la cura dei dettagli con cui si è preparato all'inaugurazione del locale. I dettagli sono una delle passioni che ha in comune con Michele Denegri, imprenditore e medico, che lo ha fortemente voluto ai fornelli del Cambio e che ha deciso di investire parte del suo patrimonio nel rilancio del più famoso ristorante torinese.
Alla presentazione di un paio di settimane fa proprietario e chef avevano mantenuto il mistero sul Menù Degustazione, che Baronetto ha voluto d'impronta piemontese, per non venire meno alle tradizioni del Cambio. Oggi, a poche ore dall'inaugurazione, da Twitter e dal sito web (www.del-cambio.com/ è l'indirizzo), sono arrivate le anticipazioni sul Menù degustazione e sui dolci, con relativi prezzi.
Eccoli:

Menù degustazione
Brodo di gallina al vermouth
Salmone, coniglio e burro nocciola
Crema bruciata all'olio di vaniglia, garusoli di mare
Milano – Torino
Asparagi bianchi e uovo
Agnolotti alla piemontese
Scaloppina di vitello e frattaglie
Mascarpone e capperi
Spaghetti di riso, vin brulè e spezie
€ 110,00

Dolci
Frutta ghiacciata € 20,00
Tartelletta al mango, caramello, pepe di Sichuan e liquirizia € 18,00
Dolce alle mele € 19,00
Cioccolato bianco, fragole, fragoline e acqua tonica € 19,00
Nuvola di mascarpone alle amarene e croccante alle nocciole € 18,00


Commenti