Da youtube, il video di Kirsten Dirsen sulla Pra di Brëc di QOS Studio, a Locana

Kirsten Dirsen è tornata nelle valli alpine torinesi, alla scoperta di antichi edifici di montagna rinati a nuova vita. Dopo la Baita di Studioata , presenta nel suo canale di youtube (1,7 milioni di iscritti!) un bel progetto di ristrutturazione, realizzato a Locana, a poche decine di km da Torino. Qui la famiglia Laboroi ha voluto trasformare l'antica casa-fienile, che appartiene loro da ben quattro generazioni, in una casa per le vacanze, chiamata Pra di Brëc. Il progetto è stato affidato all'astigiano QOS Studio. Come spiega a Kirsten Davide Querio, geometra dello studio, l'edificio è stato liberato dall'intonaco aggiunto qualche decennio fa, per lasciare a vista i bei muri in pietra. Una scelta che ha restituito identità all'intera struttura: nel video si mostra il "prima" e "dopo" e si può apprezzare quanto la casa fosse stata resa anonima dall'intonaco e quanto invece adesso abbia una personalità coerente con il paesaggio circosta

Al San Salvario Emporium, tanta creatività, femminile e torinese

San Salvario Emporium è una vetrina della creatività, che permette a designer, artisti e artigiani indipendenti di mostrare il proprio lavoro direttamente ai potenziali clienti, senza intermediari.
L'ultima edizione, sotto la tettoria del mercato di piazza Madama Cristina, si è tenuta l'11 maggio. A giudicare dalle bancarelle, è una creatività soprattutto al femminile e soprattutto dedicata agli accessori. Si sono visti sì abbigliamento, oggetti per la casa, piccoli oggetti di design, ma si sono visti soprattutto orecchini, collane, borse di tutte le dimensioni, di tutti i colori, di tanti materiali, un mondo tutto al femminile mostrato da giovani donne creative, entusiaste e ottimiste. Per molte di loro San Salvario Emporium è stata la prima occasione per far conoscere dal vivo il proprio lavoro, già noto nella blogosfera o su Facebook. Se si ama creare, ma non si hanno le risorse economiche per una sede fisica, il web è una bellissima soluzione per farsi conoscere, sostengono un po' tutte quelle che si sono messe alla prova per la prima volta al San Salvario Emporium.
Per Crì-crì de coeur il mercatino di ieri è stata la prima uscita pubblica; è il marchio di due sorelle torinesi, appassionate cucitrici e creative, che, spiegano volentieri, vogliono dare forma con le mani e con il cuore ai 'grilli per la testa'. Sul loro banco, borse, pochette, portachiavi, tutti con un filo comune: i pois, l'elemento che caratterizza la loro prima collezione, scelto per la ragione più convincente di tutte: "Ci piace". Ci sono pois di tutte le dimensioni, accoppiati a colori in contrasto o in armonia, a dare originalità e allegria a tutte le creazioni. Il loro sito web è http://cricridecoeur.wordpress.com/
Poco più in là, gli splendidi orecchini e collane di La Ori; coloratissimi, dal fascino un po' gitano (si immaginano benissimo sul look flamenco alla Feria de Abril di Siviglia, ma anche a dare allegria a un semplice jeans con caminetta bianca), uniscono pietre e soutache, secondo la fantasia e la creatività di Oriana, che fa tutto a mano e per gli orecchini pensa anche a chi non ha i buchi e utilizza anche le clips (grazie Oriana!). Il sito web è in costruzione, la pagina su Facebook è https://www.facebook.com/LaOriCreazioniSoutache
Isabò è una delle firme torinesi più note della blogosfera creativa. Le sue borse, di tutte le dimensioni e per tutte le esigenze, da quelle per lo shopping a quelle in cui deve stare tutto, passando a quelle per una serata elegante, sono realizzate in stoffa o in materiale riciclato, secondo quanto le suggerisce la sua fantasia. La nuova collezione punta sulla pelle riutilizzata. Non si può non rimanere colpite e infatti con le ragazze di tutte le età che chiedevano informazioni, le chiacchiere sono state rimandate, ma questo è il suo sito web, se volete vedere le sue borse, i suoi cuscini, le sue tracolle per uomo, http://isaboborseinstoffa.blogspot.it
Ancora creatività femminile in uno stand originale, tutto dedicato alla fotografia; lo studio PlastikWombat di Silvia Vaulà propone la sua fotografia creativa, intensi ritratti femminili e, soprattutto, i poster di una Torino reinventata: alcuni dei suoi luoghi più riconoscibili e famosi sovrapposti gli uni sugli altri, a creare nuove architetture che disorientano perché sembrano edifici già noti e invece no, sono un 'inganno', perché il conosciuto sono le parti che li compongono. Un gioco creativo che rimanda a uno dei concetti letti nel sito web di PlastikWombat: Nulla è più falso di quello che vedi con i tuoi occhi. Per vedere da vicino il lavoro del suo studio e le sue proposte, il sito web è http://www.plastikwombat.com
Tanti incontri, tanta creatività, tanta voglia di visitare il prossimo San Salvario Emporium!


San Salvario Emporium e Crì Crì de Coeur
La Ori e Isabò borse in stoffa
Bijoux e PlastikWombat


Commenti