Incontri da non perdere, al Festival del Classico

Libertà e Schiavitù è il tema del Festival del Classico, a Torino dal 2 al 5 dicembre 2021, al Circolo dei Lettori, in via Bogino 9, e in diverse altre sedi sparse per la città. Alla sua quarta edizione, la manifestazione, che usa il pensiero degli antichi per analizzare i fenomeni del presente, offrirà oltre 40 incontri "tra lezioni magistrali, letture, dialoghi, dispute dialettiche e seminari, per riflettere su antiche e nuove disuguaglianze, per mettere a confronto le libertà degli antichi e dei moderni, per dare voce ai classici" anticipa il comunicato stampa. Consideriamo la schiavitù una realtà del mondo antico, quando gli sconfitti diventavano schiavi dei vincitori, quando i padroni avevano potere di vita e di morte sui propri schiavi, avendo il potere di venderli al miglior offerente o di regalare loro la libertà. "La schiavitù nel mondo occidentale è sempre esistita? È ancora presente, al giorno d'oggi, sotto nuove forme? Qual è il risultato della globalizz

Flor 14: la mostra di fiori e vivai che profuma via Carlo Alberto, a Torino

C'è ancora questo pomeriggio per visitare Flor 14, la mostra mercato di fiori e vivai in piazza Carlo Alberto e lungo buona parte di via Carlo Alberto. Piante rare, fiori coloratissimi, profumi intensi: grazie a 120 vivaisti, provenienti da tutta Italia, via Carlo Alberto diventa un immenso giardino. Si passa dalle piante autoctone americane, utilizzate per composizioni decorative, ai limoni di Sicilia, dalle rose dai colori delicati alle piante grasse con fiori giganteschi e dai colori vivaci. Ci sono poi dimostrazioni di piante bonsai, le decorazioni per i balconi, gli innaffiatoi speciali per i giardini, le produzioni di miele a km zero (oggi fino alle 14, Alveare Fiorito invita alla degustazione del proprio, tra via Mazzini e via Andrea Doria). Ci sono, infine, anche laboratori per i bambini, per imparare a seminare.
Non manca davvero niente a questo appuntamento con il verde e se non siete appassionati di botanica, non rimarrete comunque indifferenti a tanti colori, tanti profumi, tanta passione e, in fondo, al miracolo favoloso della natura.


 

 



Commenti