Da youtube, il video di Kirsten Dirsen sulla Pra di Brëc di QOS Studio, a Locana

Kirsten Dirsen è tornata nelle valli alpine torinesi, alla scoperta di antichi edifici di montagna rinati a nuova vita. Dopo la Baita di Studioata , presenta nel suo canale di youtube (1,7 milioni di iscritti!) un bel progetto di ristrutturazione, realizzato a Locana, a poche decine di km da Torino. Qui la famiglia Laboroi ha voluto trasformare l'antica casa-fienile, che appartiene loro da ben quattro generazioni, in una casa per le vacanze, chiamata Pra di Brëc. Il progetto è stato affidato all'astigiano QOS Studio. Come spiega a Kirsten Davide Querio, geometra dello studio, l'edificio è stato liberato dall'intonaco aggiunto qualche decennio fa, per lasciare a vista i bei muri in pietra. Una scelta che ha restituito identità all'intera struttura: nel video si mostra il "prima" e "dopo" e si può apprezzare quanto la casa fosse stata resa anonima dall'intonaco e quanto invece adesso abbia una personalità coerente con il paesaggio circosta

Lungo il Po, all'ombra del Parco del Valentino, a Torino

Prima di lambire il centro storico e di essere controllato dalle alte pareti dei Murazzi, il Po bagna il Parco del Valentino, uno dei parchi cittadini più amati d'Italia, secondo Tripadvisor. E' una delle zone verdi più sorprendenti di Torino e, probabilmente, d'Italia: nessuna città bagnata da un fiume può vantare parchi e viali lungo le sue rive. Non possono farlo Roma, Firenze, Verona o Pisa: in tutte i rispettivi fiumi sono imbrigliati da possenti pareti, in modo da controllarne le piene. Ma a Torino il Po passa in numerosi parchi, prima di arrivare al ponte Umberto I e trovarsi tra le pareti dei Murazzi (ma solo sul lato di Torino, sul lato collinare continuano i parchi, con la vegetazione che scende fino al fiume); e, superato il centro storico, ritrova alberi, verde e sentieri, tra il Parco della Colletta e lo scrigno prezioso del Parco del Meisino e della Bertolla.

Al Parco del Valentino siamo in piena Torino, nel quartiere di San Salvario, a due passi dal centro, ma la grande città sembra lontana chilometri, con gli alberi che si inchinano a sfiorare le acque, i sentieri e le scale che scendono fino al livello del fiume, le agili canoe delle numerose associazioni di canottieri che sfilano via veloci; ci sono scorci bucolici, una sottile brezza, i suoni della natura, il silenzio irreale in una grande città, i colori della collina, che regalano continuità ai boschi e alla natura. E' Torino, più che mai: il Borgo Medievale e il Castello del Valentino distano solo pochi minuti di cammino. Ma è un'altra dimensione, apprezzatssima dai torinesi, soprattutto alla domenica, soprattutto nelle giornate di calore estivo.

Commenti