Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Hic sunt leones, gli incontri di Pentesilea sui confini reali e immaginari

Hic sunt leones (Qui ci sono i leoni) si diceva un tempo, per indicare i territori non ancora esplorati. Su quest'idea di confine tra conosciuto e sconosciuto ha giocato l'Associazione Pentesilea per scegliere il filo conduttore di Hic sunt leones, terza edizione di Mille lire l'uno, una serie di incontri gratuiti d'arte, cultura e attualità, con un filo in comune, sempre affascinante e inaspettato. Il confine inteso non solo come frontiera politica o limite geografico, ma anche come segno di mutamento culturale e politico, come timore e curiosità per lo sconosciuto.

Fino a maggio 2015, con un appuntamento al mese, Hic sunt leones racconterà di censura e web, archeologia e storia contemporanea, restauro e archeologia, sempre con relatori appassionati, provenienti dalla ricerca e dall'università.

L'incontro di ottobre è fissato il 26 alle 18, alla Casa del Quartiere di San Salvario (via Morgari 14): Diego Volpi parlerà di Cina e Nuovi media, raccontando il confine, non troppo sottile, rappresentato dalla censura. Il drago permaloso. Internet e la censura nella Cina contemporanea è il titolo della sua conferenza-chiacchierata con il pubblico. Il drago rappresenta il potere, l'autorità, ma anche, in questi anni, l'informazione. Perché? "Quando la Cina è diventato uno dei paesi con la più alta penetrazione di Internet, i governanti hanno visto il Drago in carne ed ossa, e ne hanno avuto paura. E' partita allora una lenta ed inesorabile battaglia tra le autorità e la Rete. Si è creato così il programma Great Firewall, in cinese letteralmente Progetto dello Scudo Dorato: un sistema complesso di controllo su tutte le informazioni che possono viaggiare attraverso il web, con ampie possibilità di accenderne o spegnerne il flusso" spiega la scheda dell'incontro.

Gli appuntamenti futuri, anch'essi alla Casa del Quartiere, sono: Il confine (in)valicabile. Bordure e cornici nell'arte medievale, a cura di Viviana Moretti (23 novembre 2014, ore 18); Medioevo restaurato, Medioevo inventato. Il cantiere di San Domenico a Torino, a cura di Margherita Nebbia (13 dicembre 2014, ore 18.30); Morituri te salutant. L'intrattenimento nell'antica Roma e i ludi gladiatorii, a cura di Annarita Martino (25 gennaio 2015, ore 18); La grande illusione. Il falso storico e il problema del consenso, a cura di Danilo Siragusa (22 febbraio 2015, ore 18); Il compendio del mondo. L'Italia attraverso memorie e diari di viaggiatori stranieri tra Cinquecento e Seicento, a cura di Walter Da Soller (22 marzo 2015, ore 18); Il mare di pietra. Marmi decorativi nel Piemonte d'Ancien Régime, a cura di Elena Di Majo (19 aprile 2019, ore 19); Il Piave mormorò: “Non passa lo straniero”. L'immagine dei soldati italiani nella Prima Guerra Mondiale tra mito e realtà, a cura di Federica Tammarazio (24 maggio 2015, ore 19).

A tutti gli incontri seguirà un aperitivo, a prezzo speciale per i soci di Pentesilea, nell'adiacente caffetteria Bagni Municipali. Tutte le info su pentesilea.org.


Commenti