La notte che verrà, installazione itinerante di luci e suoni per la rinascita della Dora

Un'installazione di luci e suoni che il 28 luglio 2021 dalle ore 22 percorrerà entrambe le rive della Dora, dal Campus Einaudi al Parco Dora, per celebrare il via a 19 progetti che cambieranno il volto ai quartieri che vi si affacciano, migliorando la qualità della vita dei residenti. La notte che verrà , questo il suo nome, " trasporterà, cullata dal fiume, le voci, le lingue e le storie narrate dagli abitanti dei quartieri lungo il suo corso" spiega il comunicato stampa "I ponti di luce, trasportati da veicoli 100% elettrici, si muoveranno lungo gli argini del fiume e andranno a valorizzare, grazie al disegno luminoso, i luoghi simbolo dei quartieri. Sarà una coreografia in movimento che toccherà i ponti Carpanini, Livorno e Washington; che visiterà il Parco Dora, la Biblioteca Italo Calvino, il Campus e Borgo Dora, tutti luoghi simbolo di inclusività e condivisione. Ponti di luce tra le persone che condividono uno spazio sia reale, sia interiore. Al termine del pe

A Santa Maria Maggiore (VB), il mercatino di Natale più grande del Piemonte

A Santa Maria Maggiore, pittoresco borgo della Valle Vigezzo, in provincia del Verbano-Cusio-Ossola, c'è il mercatino di Natale più grande del Piemonte. Si tiene dal 6 all'8 dicembre e, ogni anno, richiama migliaia di turisti, grazie all'atmosfera speciale e davvero natalizia che l'architettura alpina, le stradine lastricate e le belle piazzette sanno offrire. Se poi c'è la neve, potete immaginare l'incanto. blastingnews.com ha inserito il mercatino piemontese tra i cinque imperdibili in Italia, insieme a quelli di Bolzano, Rovereto, Brunico e Bressanone (e scusate se è poco!).

Le ben duecento bancarelle presenti, con il caratteristico tetto rosso, vendono prodotti dell'artigianato locale, articoli per l'hobbistica, originali produzioni dell'handmade (fatto a mano, per noi italiani), decorazioni natalizie, deliziose leccornie. Uno dei fiori all'occhiello del mercatino è la presenza di dieci produttori, che rappresentano l'Eccellenza Artigiana del Verbano Cusio Ossola. Lungo il percorso ci sono tronchi d'abete scavati e trasformati in piccole stufette: vengono accesi alla mattina e sono non solo un punto di sosta per riscaldarsi dalle rigide temperature invernali, ma anche una vera e propria attrazione turistica.

Ma un mercatino di Natale, immerso in una delle valli più belle del Piemonte settentrionale, sarebbe davvero coinvolgente senza i profumi delle caldarroste e del vin brulè? Chiaramente no. E infatti a Santa Maria Maggiore i turisti potranno deliziarsi anche con i prodotti dell'enogastronomia locale: non solo vin brulè e caldarroste, ma anche il caldo caffè locale e, soprattutto, gli stinchet, una sottile sfoglia di farina cotta sul fuoco e spalmata di burro d'ape con un pizzico di sale. Non siete già curiosi di conoscerne il sapore? Se non vi bastasse, gli stincheet hanno la Denominazione Comunale, un marchio di garanzia che valorizza i prodotti agroalimentari tradizionali. I punti di ristoro lungo l'itinerario del mercatino sono davvero molti (ma questo non significa che non bisogna dare un'occhiata ai ristoranti locali).

Il Mercatino di Natale porta con sé anche numerosi eventi: ci saranno le musiche della Bandella vigezzina, un quartetto di ottoni che si muoverà lungo le strade del mercatino con la sua musica; la Dirty Dixie Jazz Band proporrà il jazz del primo 900; con Truccabimbi si dipingerà il volto dei più piccoli; Musica d'atmosfera proporrà una musica suggestiva e itinerante; gli artisti della motosega offriranno dimostrazioni di intaglio del legno. Il 7 dicembre ci saranno, inoltre, i Corni d'alpe che proporranno piccoli concerti nei luoghi più suggestivi di Santa Maria Maggiore e la sfilata folkloristica dei cani bernesi, che sfileranno con il gruppo del Podere di Binse.

La visita al Mercatino può essere un'occasione per visitare anche un Museo unico al mondo: il Museo degli Spazzacamino. L'ingresso costa 2 euro e racconta la storia struggente dei tanti bambini poveri trasformati in spazzacamino, perché, con le loro piccole dimensioni, potevano infilarsi nelle canne fumarie e pulirle, con tutti i pericoli connessi e mai considerati nei secoli passati.

Essendo già previsti decine di autobus, gli organizzatori suggeriscono di visitare il Mercatino sabato 6 o lunedì 8 dicembre e di lasciare le macchine a Domodossola o a Druegno. Dalle due località è possibile utilizzare il trenino della Vigezzina, potenziato con corse speciali (gli orari li trovate su www.vigezzina.com). E non solo, per la prima volta la Ferrovia Vigezzina offre uno speciale servizio navetta, che da Druogno porterà in pochi minuti nel centro di Santa Maria Maggiore: i trenini saranno arrivi dalle 10 alle 18, con partenze ogni 15 minuti; il costo del biglietto, andata e ritorno, è di 2 euro per gli adulti, gratuito per i ragazzi fino a 16 anni accompagnati da almeno un adulto pagante.

Il sito web dei Mercatini di Natale di Santa Maria Maggiore è mercatininatale.santamariamaggiore.info; contiene tutte le informazioni necessarie per visitare il Mercatino e organizzare una vacanza in Valle.

Le fotografie sono del sito web dei Mercatini di Natale di Santa Maria Maggiore e del sito distrettilaghi.it.

Commenti