La Manica della Fondazione Collegio Universitario Einaudi, colorato e accogliente

Un edificio degli anni '50, in corso Lione, trasformato in La Manica, un collegio universitario da 41 posti, a pochi passi dal Politecnico e a poca distanza dalle fermate dei bus che conducono verso le diversi sedi universitarie sparse in città. È la bella operazione appena completata dalla Fondazione Collegio Universitario Einaudi, che, spiega nel comunicato stampa, "è impegnata nel rinnovamento di tutte e cinque le proprie residenze e nel recupero di immobili di proprietà fino ad oggi adibiti ad altri usi, con l'obiettivo da una parte di adeguarle a esigenze e standard della vita contemporanea, dall'altra di ampliare il numero di posti di studio e contribuire così all'aumento di questo tipo di offerta da parte del Sistema Universitario Torinese". La ristrutturazione de La Manica è piuttosto interessante perché garantisce ai 41 studenti non solo spazi privati dotati di tutti i comfort, manche ampi luoghi di socializzazione. Realizzata su progetto di DAR

Cultura Classica: nove conferenze su ricette, teatro, donne e miti del mondo antico

Bisogna aver superato i trent'anni, per capire l'importanza e il valore dei propri studi. Non ricordo moltissimo della grammatica del latino o del greco, ma è stato dopo i trenta che ho capito quanto, grazie alle loro declinazioni, mi abbiano insegnato a ragionare e a essere logica (sì, sono tra quelli che pensano che il latino dovrebbe tornare nelle medie e che, addirittura, dovrebbe arrivarci anche il greco). Non è la sola eredità. Ci sono la letteratura, la filosofia, il teatro, l'etica, la politica. Niente di quello che facciamo o diciamo è stato inventato da noi: Atene, Alessandria, Roma hanno detto e fatto già tutto, noi lo ripetiamo con nuovi strumenti, semplicemente.

Una serie di conferenze promossa dal Club di Cultura Classica Ezio Mancino ONLUS, nella sala Molinari della Biblioteca Natalia Ginzburg, in via Cesare Lombroso 16, ricorda quanto dobbiamo al mondo antico, raccontato nelle sue numerose varianti. Filosofia, teatro, mitologia, musica, vita quotidiana, persino la cucina con le sue ricette, non manca davvero niente per conoscere le grandi civiltà mediterranee. Si è iniziato con un appuntamento che ha avuto molto successo, il 25 ottobre: L'arte culinaria nell'antico Egitto. Si seguirà domani, 3 novembre, con Troilo e Cressida: una storia d’amore ai tempi della guerra di Troia e si continuerà con altri otto incontri, condotti tutti da esperti, studiosi e professori, fino al 9 maggio 2015, quando il ciclo terminerà con 'Mille modi' per realizzare e utilizzare il garum nell’antica Roma (ammetto la personale curiosità per questa conferenza, avendo letto varie volte del garum, una specie di salsa che per i nostri gusti pare rivoltante e che a Roma aveva invece grande successo).

Il calendario degli appuntamenti, imperdibili per chi vuole capire qualcosa di più su chi siamo:

lunedì 03 novembre 2014, ore 18.00
Troilo e Cressida: una storia d’amore ai tempi della guerra di Troia
Prof.ssa Chiara Lombardi, Università degli Studi di Torino

mercoledì 19 novembre 2014, ore 18.00
Terenzio e la commedia latina
Dott.ssa Annarita Martino

mercoledì 21 gennaio 2015, ore 18.00
Miti musicali e racconti di fondazione
Prof.ssa Paola Dolcetti, Prof.ssa Elisabetta Pitotto

mercoledì 28 gennaio 2015, ore 18.00
Esistono donne filosofe nell'antichità? Il rapporto fra le donne e le sapore filosofico
Prof.ssa Paola Rossi

mercoledì 18 febbraio 2015, ore 18.00
Miti classici di resurrezione
Dott.ssa Elisa Della Calce, Dott.ssa Francesca Revello

mercoledì 11 marzo 2015, ore 18.00
Ma è davvero impossibile essere felici?
Prof. Mario Bertelli

mercoledì 08 aprile 2015, ore 18.00
I classici nel fumetto (e non solo)
Dott.ssa Elena Romanello

mercoledì 15 aprile 2015, ore 18.00
Vita quotidiana nella Roma antica
Dott.ssa Annarita Martino

sabato 09 maggio 2015, ore 17.00
'Mille modi' per realizzare e utilizzare il garum nell'antica Roma
Dott. Generoso Urciuoli, Direttore Centro Studi Archeoricette


Commenti