La notte che verrà, installazione itinerante di luci e suoni per la rinascita della Dora

Un'installazione di luci e suoni che il 28 luglio 2021 dalle ore 22 percorrerà entrambe le rive della Dora, dal Campus Einaudi al Parco Dora, per celebrare il via a 19 progetti che cambieranno il volto ai quartieri che vi si affacciano, migliorando la qualità della vita dei residenti. La notte che verrà , questo il suo nome, " trasporterà, cullata dal fiume, le voci, le lingue e le storie narrate dagli abitanti dei quartieri lungo il suo corso" spiega il comunicato stampa "I ponti di luce, trasportati da veicoli 100% elettrici, si muoveranno lungo gli argini del fiume e andranno a valorizzare, grazie al disegno luminoso, i luoghi simbolo dei quartieri. Sarà una coreografia in movimento che toccherà i ponti Carpanini, Livorno e Washington; che visiterà il Parco Dora, la Biblioteca Italo Calvino, il Campus e Borgo Dora, tutti luoghi simbolo di inclusività e condivisione. Ponti di luce tra le persone che condividono uno spazio sia reale, sia interiore. Al termine del pe

Il Piemonte, unica meta italiana 2015 di fodors.com

Tra i vantaggi che porta il riconoscimento di Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'UNESCO c'è anche la visibilità nel web, in particolare nei blog di viaggi. Succede anche alle Langhe Roero e Monferrato, che sono l'unica regione italiana segnalata da fodors.com tra le mete da non perdere nel 2015.

Perché scoprire l'"idilliaca regione del Nord-Ovest italiano"? "I vigneti delle Langhe Roero Monferrato producono il Barolo, il vino rosso conosciuto anche come 'il re dei vini'". E' un vino che ha bisogno di almeno dieci anni per sviluppare i retrogusti per cui è famoso. E se non bastassero i territori vinicoli, c'è Torino, "capoluogo del Piemonte, sede della FIAT e del Museo dell'Automobile, ha un'aria parigina ed è un punto di partenza eccellente per l'esplorazione". Poi ci sono Alba, che "è un must per i buongustai del tartufo bianco-pregiati", e Asti, che incanta sia per le sue torri medievali che per "il suo vino frizzante e per lo spumante". E poi i paesaggi da cartolina, con le "dolci colline punteggiate di castelli".

Per visitare la regione, meglio dotarsi di automobile, per scoprire le varie cittadine del vino. Il momento migliore è l'autunno, la stagione della Fiera del Tartufo, ad Alba, "frequentato dai migliori chef e acquirenti", e della Festa del Vino di Asti.


Commenti