Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Torino è l'unica Creative Cities 2014 italiana per l'UNESCO

Torino è l'unica città italiana che dal 2014 farà parte del Creative Cities Network dell'UNESCO per il settore del Design. Cos'è il Creative Cities Network dell'UNESCO? E' una rete di città che hanno fatto della creatività uno dei propri fattori strategici di sviluppo. Sette le aree tematiche scelte per appartenere alla rete: l'Artigianato e le Arti Popolari, il Design, il Cinema, la Gastronomia, la Letteratura, Media Arts e la Musica). L'UNESCO incoraggia le città appartenenti al Network a collaborare tra di loro, per trovare nuove attività di sviluppo sostenibile, condividere best practices, rafforzare la partecipazione alla vita culturale e integrare la cultura ai piani di sviluppo sociale ed economico.

Le città del Network sono attualmente 69; Torino è l'unica italiana, insieme a Bologna, entrata nel Network nel 2006, nel settore della Musica. La città piemontese è stata scelta perché allo "storico profilo industriale" ha unito "nuove vocazioni nel campo della ricerca e delle  tecnologie, della formazione e del sapere, della cultura, delle arti e del turismo. Il design è stato un punto di incontro di queste diverse vocazioni, saldando cultura industriale, tecnologia, creatività artistica, rigenerazione urbana".

La candidatura di Torino è stata avanzata a marzo 2013; si è scelto il settore del Design, perché spiega il comunicato stampa che annunciava all'epoca la candidatura, "ben si adatta alla Città di Torino, che ne ha fatto una delle chiavi del suo sviluppo industriale e post-industriale e per i l quale ha già ottenuto prestigiosi riconoscimenti internazionali"

Al bando del 2014 hanno partecipato 28 città di 19 Paesi. Torino è stata selezionata per il Design, insieme alla spagnola Bilbao, alla brasiliana Curitiba, alla britannica Dundee, alla finlandese Helsinki. La lista completa delle città entrate nel Network quest'anno la trovate su unesco.org; a questo link, sempre di unesco.org, c'è la lista delle 69 città del Network.


Commenti