Clara Caroli: La casa dei cuori sospesi, leggerezza e ironia per storie della Torino contemporanea

Ho letto La casa dei cuori sospesi di Clara Caroli (La Corte Editore) poche settimane fa, al mare, e me ne sono innamorata. Si svolge a Torino ed è la principale ragione per cui mi ha incuriosito, poi mi ha intrigato la trama, che racconta una storia corale, ricca di incastri e di sorprese, con al centro Romina e Stella, amiche che gestiscono insieme la libreria Non è una pizza (e la nascita di questa libreria ha lati esilaranti, oltre a essere una dichiarazione d'amore ai libri) e sono coinquiline in una casa sulla collina di Moncalieri, che fa venire voglia di viverci per qualche tempo. Tutt'intorno a loro, storie, personaggi, anche animali, che mano a mano si incastrano come in un puzzle divertente e leggero, che si legge d'un fiato sotto l'ombrellone e mantiene alta la curiosità fino alla fine, con momenti di comicità, di riflessione e di sorpresa. Essendomi innamorata della storia, della città che racconta e dello stile, è stato inevitabile contattare Clara Carol

Una navetta per salire alla Sacra di San Michele: gli orari e i prezzi

Dal 16 maggio 2015, per tutti i sabato e domenica fino al 12 luglio, torna la navetta che collega Avigliana (TO) alla Sacra di San Michele.

Posta sulla cima del monte Pirchiriano, visibile da decine di chilometri di distanza, la Sacra di San Michele è il simbolo del Piemonte e uno dei suoi monumenti gotici più importanti. Ed è anche collocata su uno dei posti più strategici della regione, sin dall'alba della storia: con il Monte Musinè, il Pirchiriano 'chiude' la Valle di Susa: in passato chi lo controllava aveva garantito l'accesso alla Pianura Padana e, quindi, all'Italia. Non per niente la chiesa gotica sorge su un castrum romano.

Oltre all'immaginabile panorama sulla pianura torinese e sulla valle di Susa, la Sacra offre ai visitatori preziose opere d'arte come il Portale dello Zodiaco o lo Scalone dei Morti, affreschi medievali e architetture rampanti di grande fascino.

Il suo unico difetto è che non è raggiungibile dai turisti che non siano dotati di mezzo di trasporto proprio. Per questo è davvero encomiabile l'idea di dotarla di una navetta, che parte dalla stazione ferroviaria di Avigliana, raggiungibile da Torino con i treni della linea 3 del Servizio Ferroviario Metropolitano (partono da Porta Nuova ogni mezz'ora, gli orari, andata e ritorno, sono, in pdf, su www.sfmtorino.it).

Da Avigliana la navetta parte alle 9.30, alle 14.30, alle 16.30 e alle 18.00 del sabato e della domenica e arriva alla Sacra 40 minuti dopo, con fermate anche in Piazza del Popolo, in corso Laghi-Centro Storico, in corso Laghi-Ufficio del Turismo, al Campeggio Avigliana Lacs e alla Certosa di San Francesco. Dalla Sacra gli orari sono 12.00, 15.15, 17.15, 18.45, con arrivo ad Avigliana 45 minuti dopo.

Il biglietto intero, andata e ritorno, costa 2 euro, ridotto 1; se si esibisce il biglietto del treno, si ottiene la tariffa ridotta alla Sacra. Il sabato la chiesa è aperta dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.00; la domenica è aperta dalle 9.30 alle 12 e dalle 14.30 alle 18.30.


Commenti