Cosa fare a Torino ad agosto 2021

Un aperitivo a bordo di un bus scoperto che percorre le vie del centro, una visita ad appartamenti reali e a padiglioni generalmente chiusi al pubblico, un concerto in spazi suggestivi. Torino non chiude più per ferie da un pezzo e qui trovate tante cose da fare ad agosto in città. Iniziamo dai Musei (che non sembra vero di averli di nuovo aperti, con mostre, nuovi percorsi, eventi culturali e visite speciali!). Se non siete torinesi, approfittate dell'offerta del Museo Egizio (via Accademia delle Scienze 6): chi arriva con i treni regionali può usufruire di biglietti ridotti sia sul biglietto singolo (12 euro invece di 15) e sul Family Ticket (2 adulti e 2 minori 28 euro invece di 30). È sufficiente essere in possesso di un biglietto o abbonamento regionale, sovraregionale o integrato Formula (per la riduzione sul Family Ticket almeno un membro della famiglia), valido da o per Torino, anche nei tre giorni precedenti o successivi alla data del viaggio. Il biglietto va conservat

Si inaugura Open Talks, idee per il progetto del Polo del '900

I Quartieri Militari di Filippo Juvarra ospiteranno il Polo del Novecento: numerose Fondazioni dedicate al Secolo Breve avranno qui la loro sede, con le loro biblioteche e le loro attività. Il progetto, di grande fascino architettonico e culturale, sarà completato nei prossimi mesi e la Compagnia di San Paolo, che lo ha ampiamente sostenuto, ha iniziato un bel programma di riflessioni sul futuro del Polo.

Il 29 giugno 2015, alle ore 14.30, nella Sala Conferenze del Museo Diffuso della Resistenza (corso Valdocco 4a), il presidente della Compagnia di San Paolo Luca Remmert aprirà gli Open Talks. Duemila & Novecento. Dalle radici alle foglie: idee per il progetto Polo del ‘900, definito dal comunicato stampa "un primo momento pubblico di riflessione sul futuro progetto culturale". Sarà un pomeriggio che inviterà a riflettere su alcuni dei grandi temi del Novecento, ereditati dal XXI secolo: lavoro, scienza, comunicazione, donne, migrazioni, conflitti, appartenenza. Sono alcuni dei temi più importanti della nostra società e l'incontro intende riflettere "sul modo in cui sono stati raccontati e su come si presentano oggi attraverso la lente interpretativa della coppia continuità/discontinuità". Si cercheranno, cioè, "gli elementi che tra il secolo scorso e il periodo attuale rappresentano delle linee di continuità e gli aspetti su cui si rilevano le fratture e le discontinuità più significative".

Il programma della giornata è il seguente:

ore 14.30 – 14.40
Apertura lavori e saluti

ore 14.40 – 14.50
Introduzione
Alessandro Bollo, Responsabile Area Ricerca e Consulenza, Fondazione Fitzcarraldo

ore 14.50 – 15.20
Keynote speech
Giovanni De Luna, Docente di Storia Contemporanea, Università di Torino

ore 15.20 – 17.20
Brainstorming Session
7 esperti per 7 grandi temi
Scienza a cura di Vittorio Bo, Direttore del Festival della Scienza di Genova;
Donne a cura di Anna Bravo, Saggista e già Docente di Storia sociale, Università degli Studi di Torino;
Guerra/Conflitti a cura di Edoardo Greppi, Docente di Diritto internazionale, Università degli Studi di Torino;
Lavoro a cura di Stefano Musso, Docente di Storia Contemporanea, Università degli Studi di Torino;
Comunicazione a cura di Peppino Ortoleva, Docente di Storia e teoria dei media, Università degli Studi di Torino;
Appartenenza a cura di Francesco Remotti, Docente di Antropologia culturale, Università degli Studi di Torino;
Migrazioni a cura di Maddalena Tirabassi, Direttore Centro Altreitalie, Torino.
Modera: Daniele Scaglione, Direttore scientifico Certosa 1515, Avigliana (To)