Il Bagna Cauda Day, in oltre cento ristoranti, non solo piemontesi

Saranno due i fine settimana autunnali dedicati a uno dei piatti piemontesi tipici della stagione, la bagna cauda. Il 26-27-28 novembre e il 3-4-5 dicembre 2021, oltre cento ristoranti, non solo piemontesi, parteciperanno al Bagna Cauda Day, ma le prenotazioni apriranno il 24 ottobre, quando sul sito www.bagnacaudaday.it saranno pubblicate le liste dei locali partecipanti, con relative schede. Non cambia la formula, che ha fatto la fortuna dell'evento, organizzato dall'Associazione Culturale Astigiani. La bagna cauda potrà essere proposta in varie versioni, contraddistinte da un semaforo: Come dio comanda (rosso), eretica (giallo) o atea senz'aglio (verde). Previsto anche il Finale in gloria con tartufo. Il vino è proposto al prezzo di 12 euro a bottiglia, grazie all’accordo con quattro importanti case vinicole astigiane leader della Barbera: Bava di Cocconato, Braida di Rocchetta Tanaro, Cascina Castlet di Costigliole e Coppo di Canelli. Prezzo di riferimento del piatto

La copertura dell'ultimo tratto del passante ferroviario di Torino

Il lungo cammino per la fine dei lavori sul passante ferroviario aggiunge un nuovo tassello. Qualche giorno fa, la Giunta Comunale ha approvato il progetto preliminare per la copertura del tratto finale, quello che va da piazza Baldissera fino a corso Grosseto.


E' uno dei segmenti più importanti della nuova arteria che sorgerà sulla ferrovia interrata, sarà infatti la porta d'ingresso a Torino dal Nord, il grande viale che porterà dall'aeroporto fino al centro della città. Il progetto prevede la realizzazione di un viale, con due carreggiate centrali e un controviale per ogni senso di marcia, separati da tre filari di alberi. Saranno realizzate una rotonda in piazza Baldissera e una rotonda tra via Breglio, via Lauro Rossi e via Fossata; in entrambi i casi si tratta di soluzioni provvisorie: su piazza Baldissera dovrà inserirsi il nuovo ponte sulla Dora, che verrà costruito per raddoppiare corso Principe Oddone, sulla rotonda di via Breglio verrà realizzato un tratto provvisorio con il raccordo autostradale per l'aeroporto e con corso Grosseto; per la sistemazione definitiva, infatti, bisognerà aspettare la realizzazione della ferrovia Torino-Ceres, costruita sotto corso Grosseto.


Siamo ancora alle fasi iniziali della realizzazione del progetto, dunque, che dovrebbe costare 17 milioni e 700mila euro, in parte finanziate dal Governo.