La Manica della Fondazione Collegio Universitario Einaudi, colorato e accogliente

Un edificio degli anni '50, in corso Lione, trasformato in La Manica, un collegio universitario da 41 posti, a pochi passi dal Politecnico e a poca distanza dalle fermate dei bus che conducono verso le diversi sedi universitarie sparse in città. È la bella operazione appena completata dalla Fondazione Collegio Universitario Einaudi, che, spiega nel comunicato stampa, "è impegnata nel rinnovamento di tutte e cinque le proprie residenze e nel recupero di immobili di proprietà fino ad oggi adibiti ad altri usi, con l'obiettivo da una parte di adeguarle a esigenze e standard della vita contemporanea, dall'altra di ampliare il numero di posti di studio e contribuire così all'aumento di questo tipo di offerta da parte del Sistema Universitario Torinese". La ristrutturazione de La Manica è piuttosto interessante perché garantisce ai 41 studenti non solo spazi privati dotati di tutti i comfort, manche ampi luoghi di socializzazione. Realizzata su progetto di DAR

Scopri le strade del Canavese, progetto turistico per tablet e smartphone

Canavese è adesso un acronimo: Cultura e tradizione, Arte e architettura, Natura, Anfiteatro morenico, Vivi il canavese, Enogastronomia, Sport, Ecologia. Bello, vero? E' la nuova immagine che questa storica area a Nord di Torino, ricca di storia, arte e cultura, vuole dare di sé. E per cambiare il senso dell'accoglienza che vuole offrire a turisti e visitatori, lancia un progetto studiato per tablet e smartphone, Scopri le strade del Canavese.


Il punto di partenza sono le aree di servizio di Viverone Nord e Scarmagno Est, praticamente le porte geografiche di ingresso al Canavese. Qui, utilizzando il wi-fi gratuito presente, e dopo l'autenticazione, ci si potrà collegare automaticamente a una pagina web, una landing page dedicata al Canavese, attraverso la quale si potrà cliccare la sezione di proprio interesse: Territorio, Storia, Eventi, Itinerari, Collaborazioni.

In questo modo i turisti avranno a disposizione tutti gli strumenti per potersi muovere nel Canavese, secondo le proprie esigenze, potendo creare itinerari propri e soddisfacendo i propri interessi. Ogni sezione, infatti, è dotata di foto, mappe interattiva, uscite autostradali migliori, suggerimenti per ulteriori approfondimenti. Le mappe sono dotate di numerose informazioni, con le indicazioni di strade per auto, bici, cavallo, passeggiate e, addirittura, con i tempi di percorrenza per ogni opzione.

Il progetto è nato grazie alla collaborazione tra Ativa, la società che gestisce l'autostrada Torino-Aosta, che attraversa il Canavese, Turismo Torino e Provincia, Confindustria Canavese e Città di Ivrea.


Commenti