Tre visite tematiche a Villa della Regina

Tre visite tematiche a Villa della Regina con Federico Fontana, direttore dei lavori di restauro che hanno riportato a nuova vita questa residenza sabauda adagiata sulla collina e con vista invidiabile su Torino. Un'occasione speciale per scoprire come sono stati valorizzati non solo l'edificio, ma anche il parco, i giardini, la vigna, i padiglioni barocchi. L'architetto Fontana, spiega il comunicato stampa, "conduce i visitatori alla scoperta dei giardini e del parco focalizzando l’attenzione sugli aspetti peculiari dell'intero complesso: la composizione e il significato simbolico del Teatro delle acque, che si sviluppa dallo spazio semicircolare del Cortile d'onore, o Esedra, fino al Belvedere Superiore; la destinazione agricola di parte del parco della Villa, analizzandone gli usi originari e attuali attraverso curiosità storiche e botaniche; le trasformazioni del complesso avvenute nel corso dell'Ottocento, dopo l'occupazione francese, per arriva

Al Circolo dei Lettori, 4 incontri e 1 spettacolo per Federico Garcia Lorca

Nel 2016, ricorre l'80° anniversario della fucilazione di Federico García Lorca, avvenuta durante la Guerra Civile spagnola, nei dintorni di Granada (nonostante le ricerche fatte in questi ultimi anni, i suoi resti non sono mai stati trovati). Il Circolo dei Lettori, in via Bogino 9, ha organizzato il primo evento dell'anno per ricordare l'anniversario, con una serie di incontri e appuntamenti intitolata Album García Lorca.

Ogni mercoledì, dal 3 febbraio al 2 marzo 2016, quattro incontri e uno spettacolo ricorderanno lo scrittore e poeta granadino, intrecciando la sua vicenda all'intensa e inquieta storia della Spagna del primo Novecento. Si passerà dai suoi rapporti con il flamenco e con la cultura gitana al suo sostegno alla Seconda Repubblica, che gli sarebbe poi costato la vita, dagli stretti rapporti con gli artisti del suo tempo, Salvador Dalí e Luis Buñuel, Juan Ramón Jiménez e Pablo Neruda, al suo impegno teatrale. E' un Federico Garcia Lorca analizzato a 360° e attraverso il quale si approfondiscono le inquietudini e il fascino di uno dei periodi storici più intensi e drammatici della Spagna.

L'ingresso a ogni serata costa 7 euro, ridotto, con la Carta Plus del Circolo dei Lettori, 5 euro; l'ingresso alla prima serata, Corazón de plata, il 3 febbraio 2016 alle ore 21, costa 10 euro, ridotto 8 euro. Il calendario degli appuntamenti è il seguente:

3 febbraio, ore 21
Corazón de plata
con Alma Flamenca (Elisa Díaz, danza e direzione artistica, Carmen Amor, canto, Nuccio Nobile, chitarra e Stefania Luberti, voce recitante)
Simbiosi fra danza, musica e poesia, le seducenti sonorità del flamenco sono filo conduttore dello spettacolo ispirato ai testi di García Lorca.

10 febbraio, ore 21
… e sullo sfondo l’orrore della guerra civile
con Bruno Arpaia, scrittore e giornalista

L’appoggio alla Spagna repubblicana disturba la destra autoritaria e i suoi versi infiammano il mondo intero. Ucciderlo, a un mese dal golpe di Franco, è come ammutolire lo spirito laico, sognatore e rivoluzionario della Repubblica.

17 febbraio, ore 21
Le avanguardie artistiche
con Vincenzo Trione, docente di Arte e media – IULM di Milano

Il poeta, amico di Salvador Dalí e Luis Buñuel, Juan Ramón Jiménez e Pablo Neruda, diventa uno dei membri dell'avanguardia artistica, della Residencia de Estudiantes di Madrid.

24 febbraio, ore 21
Bodas de sangre
con Marcello Fois, scrittore e traduttore di
Nozze di sangue
García Lorca, direttore della compagnia Teatro Universitario La Barraca, porta i propri testi nelle aree rurali più remote della Spagna. Durante il tour scrive le sue opere teatrali più note, come la tragedia di carne e sangue Bodas de sangre, ispirata a una storia vera.

2 marzo, ore 21
Radici e mutamenti nella poesia di García Lorca
con Valerio Magrelli, poeta

"La poesia non cerca seguaci, cerca amanti" scrive. E l'amore che alimenta tutte le sue liriche è disperato, straziante, segreto, è estatico o dolente. Un amore che molto spesso non si limita a scrivere, ma declama, rendendo la performance parte integrante dell'opera.


Commenti