La Manica della Fondazione Collegio Universitario Einaudi, colorato e accogliente

Un edificio degli anni '50, in corso Lione, trasformato in La Manica, un collegio universitario da 41 posti, a pochi passi dal Politecnico e a poca distanza dalle fermate dei bus che conducono verso le diversi sedi universitarie sparse in città. È la bella operazione appena completata dalla Fondazione Collegio Universitario Einaudi, che, spiega nel comunicato stampa, "è impegnata nel rinnovamento di tutte e cinque le proprie residenze e nel recupero di immobili di proprietà fino ad oggi adibiti ad altri usi, con l'obiettivo da una parte di adeguarle a esigenze e standard della vita contemporanea, dall'altra di ampliare il numero di posti di studio e contribuire così all'aumento di questo tipo di offerta da parte del Sistema Universitario Torinese". La ristrutturazione de La Manica è piuttosto interessante perché garantisce ai 41 studenti non solo spazi privati dotati di tutti i comfort, manche ampi luoghi di socializzazione. Realizzata su progetto di DAR

Le Cucine di Palazzo Reale aperte al pubblico per tutto marzo 2016

L'apertura delle Cucine è uno degli eventi che Palazzo Reale regala di tanto in tanto ai torinesi e ai turisti e che tanta curiosità suscitano. E' difficile, infatti, che i percorsi museali portino fino alle Cucine, in cui si preparavano i pasti delle Loro Maestà e si curavano i dettagli delle loro diete, nonostante conservino spettacolari batterie di pentole e di vasellame. A Torino, invece, le Cucine Reali sembrano particolarmente apprezzate, tanto che a marzo saranno aperte tutti i giorni, grazie alla collaborazione dell'Associazione Amici di Palazzo Reale (benedetto volontariato...).

Si potranno così scoprire i gusti dei sovrani sabaudi nelle cene ufficiali e in quelle private; si vedranno da vicino gli utensili originali recuperati grazie ai restauri del 2008, compresi gli oltre duemila pezzi in rame; si conosceranno i cambiamenti voluti dai vari sovrani e principi nelle cucine, in base alle loro esigenze (negli anni 30 del Novecento, per esempio, si divisero le Cucine Reali, per Vittorio Emanuele ed Elena, dalle Cucine dei Principi di Piemonte, Umberto e Maria José). Molte le curiosità, tra cerimoniale, protocollo, ricette e mode.

Le visite, solo guidate, saranno realizzate in tutti i giorni d'apertura dei Musei Reali fino al 31 marzo 2016 e avverranno con gruppi di massimo 30 persone, fino a esaurimento dei posti disponibili. Gli orari di partenza delle visite sono martedì e giovedì ore 15 e 16 (chiuso il 29 marzo), mercoledì ore 10 e 11, venerdì e sabato ore 10, 11, 12, 15, 16, 17 (sabato 12 solo dalle 12 in poi), domenica ore 10, 11, 12, 15, 16, 17 (a eccezione di domenica 13 e di Pasqua, il 27 marzo). Il biglietto d'ingresso alla visita si acquista nella Biglietteria di Palazzo Reale, in piazzetta Reale 1, e costa 4 euro, ridotto 2 euro, gratuito per i possessori dei biglietti dei Musei Reali e della tessera Abbonamento Musei.


Commenti