La Manica della Fondazione Collegio Universitario Einaudi, colorato e accogliente

Un edificio degli anni '50, in corso Lione, trasformato in La Manica, un collegio universitario da 41 posti, a pochi passi dal Politecnico e a poca distanza dalle fermate dei bus che conducono verso le diversi sedi universitarie sparse in città. È la bella operazione appena completata dalla Fondazione Collegio Universitario Einaudi, che, spiega nel comunicato stampa, "è impegnata nel rinnovamento di tutte e cinque le proprie residenze e nel recupero di immobili di proprietà fino ad oggi adibiti ad altri usi, con l'obiettivo da una parte di adeguarle a esigenze e standard della vita contemporanea, dall'altra di ampliare il numero di posti di studio e contribuire così all'aumento di questo tipo di offerta da parte del Sistema Universitario Torinese". La ristrutturazione de La Manica è piuttosto interessante perché garantisce ai 41 studenti non solo spazi privati dotati di tutti i comfort, manche ampi luoghi di socializzazione. Realizzata su progetto di DAR

Al via la Linea 2 della Metropolitana: il bando per il progetto preliminare

Il progetto per la Linea 2 della Metropolitana di Torino parte davvero. Oggi il Comune ha reso noto il bando per la redazione del progetto preliminare: è un bando aperto a società di progettazione nazionali e internazionali e ha un valore di circa 7 milioni di euro, IVA esclusa, per il vincitore. La selezione del progetto vincitore avverrà valutando sia le esperienze su progetti analoghi dei candidati sia le offerte, a ribasso economico. Ai candidati viene chiesto di porre particolare attenzione alla sostenibilità economico-finanziaria del progetto e alle modalità di finanziamento. Il bando scade il 9 maggio 2016 e la progettazione della Linea 2 dovrà essere completata entro un anno. "Nella prima fase, della durata prevista di circa sei mesi, saranno condivise con l'Amministrazione le scelte di indirizzo. Nel secondo semestre i vincitori si dedicheranno allo sviluppo progettuale vero e proprio" spiega il comunicato stampa del Comune di Torino.



Come già anticipato nei mesi scorsi, la Linea 2 avrà una lunghezza di circa 14.5 km e collegherà il settore nord-orientale della città a quello sud-occidentale, dalla Stazione Rebaudengo al Cimitero Parco, dovrà servire l'area universitaria del Campus Einaudi e prevedere una fermata a Porta Nuova, per garantire il collegamento con la Linea 1; è richiesta anche una connessione con la fermata Zappata del Passante (non ancora esistente). Il Documento Preliminare alla Progettazione curato dagli uffici tecnici comunali e base del progetto della Linea 2, prevede anche la possibilità di prolungare il collegamento fino a San Mauro, dalla testata Nord, e verso piazza Bengasi, attraverso piazza Caio Mario, nel settore meridionale; le fermate previste sono 24.

Anche la Linea 2, come già la Linea 1, avrà un sistema di gestione dei treni completamente automatico, adeguato, però, all'evoluzione che il tempo ha portato al sistema VAL adottato per la linea 1. Ai progettisti della Linea 2 si richiede anche una particolare attenzione per la possibilità di far funzionare il sistema 24 ore su 24 e per un maggiore interscambio con il sistema dei trasporti torinesi, con, per esempio, la possibilità di trasporto delle biciclette.


Commenti