Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Montmartre in Valle Vigezzo: pittori en plen air a Santa Maria Maggiore

N.B. RINVIATO ALL'8 MAGGIO PER MALTEMPO

Primo maggio di pittura nel Verbano Cusio Ossola, dove, a Santa Maria Maggiore, torna la manifestazione Montmartre in Valle Vigezzo – Artisti a cielo aperto. Lo scorso anno i pittori che si sono cimentati nelle strade della cittadina sono stati moltissimi, così la Pro Loco e il Comune hanno deciso di riprendere l'iniziativa, ancora una volta con il sostegno della Scuola di Belle Arti. I partecipanti potranno realizzare i loro quadri all'aperto, come in una Montmartre alpina, ispirati dal caratteristico centro storico di Santa Maria Maggiore e dal paesaggio alpino che lo circonda. E non sarà solo pittura: parteciperanno anche scultori e grafici, utilizzando le tecniche a loro più congeniali.


Foto di Maurizio Besana

L'idea è "rendere omaggio alla tradizione artistica di una valle che è sempre stata conosciuta come 'valle dei pittori', proprio grazie ai grandi artisti che nelle antiche case in pietra dei paesi vigezzini sono nati e hanno lavorato, lasciando in questo angolo di Alpi Piemontesi un patrimonio culturale dal valore inestimabile" spiega il comunicato stampa. E se volete sapere perché la Valle Vigezzo è considerata la valle dei pittori, non perdetevi quest'articolo di www.universica.it.


Foto di Maurizio Besana

Gli artisti avranno a disposizione postazioni all'aperto, funzionanti anche in caso di maltempo, in cui potranno esporre anche le loro opere precedenti, così da far conoscere la propria creatività e la propria storia, oltre che il lavoro che si sta realizzando en plen air, ispirati dalla Valle. Anche i più piccoli avranno un piccolo spazio, per disegnare e colorare, e ci sarà un vero e proprio punto gioco, in Piazza Risorgimento, per insegnare ai bambini i giochi della tradizione locale. L'atmosfera bohemienne e parigina dei pittori sarà accompagnata anche dalle fisarmoniche itineranti e non mancheranno anche le degustazioni degli stinchèet, sottili sfoglie di farina e acqua, condite con burro d'alpe, prodotto tipico di Santa Maria Maggiore; non sarà l'unica occasione di assaggiare i prodotti locali: alcuni ristoranti dedicheranno piatti speciali a Montmartre in Valle Vigezzo, basterà seguire l'indicazione della tavolozza all'esterno dei locali per individuarli e scoprire quale ricetta proporranno. Insomma, per i turisti sarà una piacevole passeggiata tra arte, musica e gastronomia, che conterà anche sulle aperture eccezionali della Pinacoteca della Scuola di Belle Arti, del Museo dello Spazzacamino e della futura Casa del Profumo, che sarà ufficialmente visitabile dall'estate.

E se decidete di passare il weekend del 1° maggio tra Santa Maria Maggiore e dintorni, non dimenticate che con Vigezzina no limits, la ferrovia panoramica locale, è una sorta di metropolitana!

Tutte le info e gli aggiornamenti su www.santamariamaggiore.info.


Commenti