Con Buonissima, tanti eventi enogastronomici con grandi chef e un'ambizione

Un nuovo appuntamento enogastronomico per valorizzare le tradizioni di Torino e inserire la passione per la buona cucina e i suoi dintorni in percorsi culturali e artistici. Buonissima , dal 27 al 31 ottobre 2021, è nato da un'idea di Matteo Baronetto, chef al ristorante Del Cambio, e dei critici enogastronomici Stefano Cavallito e Luca Iaccarino, con l'ambizioso obiettivo di fare di Torino la capitale italiana del gusto. E, per dare un'idea, nel ricco programma dei cinque giorni di cene e incontri, saranno presenti i fratelli Adrià, Ana Roš, la chef più apprezzata nella classifica dei 50 migliori ristoranti di Restaurant , gli chef italiani Mauro Uliassi, Norbert Niederkofler e Massimo Bottura, tutti con tre stelle. Il programma prevede due grandi cene evento, curate dagli chef già citati, con menù a 350 euro, una al Museo dell'Automobile e l'altra, già sold out, al Museo del Cinema; poi tredici cene nelle piole torinesi al prezzo fisso di 25 euro, con un fil

Tutta la mia città: progetti ed eventi di cultura nelle periferie torinesi

La Città di Torino presenta un bel progetto per valorizzare le sue periferie e renderle parte integrante nella vita culturale cittadina. Si chiama Tutta la mia città e per tutto il 2016 offre un ricco calendario di eventi e appuntamenti d'arte, letteratura, teatro, che non solo testimoniano la vivacità delle periferie, ma che vogliono anche provare come la cultura possa essere un volano e un'opportunità.


Il primo appuntamento del progetto è Torino che legge, dal 18 al 24 aprile 2016. 21 biblioteche, 52 librerie, 60 scuole, case del quartiere, 40 fra enti, fondazioni, associazioni e circoli, metropolitana, tram storico, piazze e giardini proporranno incontri con autori, conferenze, dibattiti, e pubbliche letture per promuovere i libri e la loro lettura. Tra le chicche, Claudio Magris nell'Aula Magna della Cavallerizza Reale, le celebrazioni per i 400 anni dalla morte di Miguel de Cervantes e William Shakespeare, la passeggiata letteraria.

Quartieri in Jazz accompagna il Torino Jazz Festival, in programma dal 22 aprile al 1° maggio 2016, nei quartieri cittadini. Dal 24 al 30 aprile, numerosi club sparsi per quattro quartieri torinesi ospiteranno i concerti di musicisti nazionali e internazionali (il calendario degli eventi è all'interno del Torino Jazz Festival, su www.torinojazzfestival.it).

Binario18#stayhumanart è una mostra ispirata dal numero del binario di arrivo del treno del Sole, che portava gli emigrati meridionali in cerca di nuova vita a Torino. Dal 5 al 15 maggio 2016, al MRF di Mirafiori Sud, un nuovo spazio di cultura e ricerca in un edificio un tempo industriale, la mostra offrirà un "viaggio artistico attraverso le vecchie e nuove immigrazioni, le storie e le emozioni di chi è costretto a lasciare il proprio Paese. In mostra, una raccolta di immagini che ha come voce narrante quella di Legal@arte, un’associazione della Polizia di Stato impegnata a diffondere, attraverso i linguaggi della creatività, i principi della legalità e dell'accoglienza".

Dal Castello di Rivoli alle Officine Caos del quartiere delle Vallette, tra maggio e giugno 2016, Metropolitan Art avvicinerà il pubblico all'arte contemporanea, attraverso un percorso di partecipazione attiva ed esperienza diretta. Sarà un viaggio guidato da Stalker Teatro, con la collaborazione del Dipartimento Educazione del Castello e si concluderà con lo spettacolo Reaction, "esito multidisciplinare di una attività formativa che, a partire dall'analisi delle opere d’arte, coinvolgerà la cittadinanza in una composizione corale di quadri sonori e visivi".

The Children's world, dal 22 al 26 giugno 2016, offrirà spettacoli di teatro, danza, circo, musica, burattini, pensati per i più piccoli e presentati in vari quartieri torinesi. Il cuore della manifestazione sarà la Casa del Teatro Ragazzi e Giovani, nei pressi di piazza d'Armi, da cui si irradieranno gli spettacoli, in spazi insoliti e teatri torinesi meno noti.

Per Teatro a Corte, a luglio 2016, ci saranno due produzioni speciali del Teatro Piemonte Europa dedicate al suo quartiere: uno spettacolo sarà allestito nel Teatro Astra, gioiello dell'art déco torinese, in Cit Turin, e l'altro si muoverà davanti alla splendida scenografia naturale del Parco della Tesoriera.

In autunno, di nuovo alle Vallette, nelle Officine Caos, Cammei – Storie d'arte e d'artisti a Torino e in Piemonte, permetterà di avvicinarsi a personaggi significativi della cultura piemontese del XX secolo, attraverso brevi racconti scenici; i protagonisti saranno Alighiero Boetti, Michelangelo Pistoletto, Piero Gilardi e Gilberto Zorio (6 ottobre), Furio Jesi (20 ottobre), Carol Rama e Felice Casorati (16 novembre), Pinot Gallizio (2 dicembre).

Nella Fabbrica delle E, in corso Trapani 95, tra settembre e dicembre, una mostra antologica delle opere di Letizia Battaglia, renderà omaggio alla sua figura, in uno spazio davvero suggestivo di ex fabbrica che non ha dimenticato il proprio passato.

Tutta la mia città si concluderà a dicembre con Porte ad Arte. E' un bando internazionale, a cura della Fondazione Contrada Torino Onlus, rivolto a giovani artisti under 35, per valorizzare le due 'porte' di accesso alla città, piazza Rebaudengo a nord e piazza Bengasi a sud. A scegliere le opere che maggiormente saranno in grado di interpretare, caratterizzare e rivalutare gli edifici, una giuria del territorio, per favorire la partecipazione attiva dei cittadini e dei comitati che operano nei due diversi quartieri.


Commenti