I Voucher Vacanze del Piemonte, dormi 3 paghi una notte, fino alla primavera 2022

Dato il successo dell'iniziativa e tutte le volte che la Regione Piemonte l'ha prolungata, chissà che non sia un nuovo modello per il turismo, in attesa di un ritorno alla normalità, si spera per il 2022. Tornano i Voucher Vacanze della Regione Piemonte, grazie ai quali si dormono 3 notti e se ne paga solo una nelle strutture aderenti (alberghi, residence, B&B, agriturismi, affittacamere, ecc ecc) e si pagano i servizi turistici a metà prezzo. I voucher possono essere prenotati entro il 31 dicembre 2021 e utilizzati entro il 30 giugno 2022. Il loro funzionamento è semplice, ma cambia in base alle ATL sotto le quali si trova la località prescelta: se volete soggiornare nelle Langhe, dovete controllare quali sono i passi da seguire per prenotare i voucher nelle Langhe, idem se pensate alle dolci colline del Canavese, alle valli alpine del Cuneese, ai laghi del Piemonte settentrionale. Per identificare le ATL, c'è www.visitpiemonte.com , che ha l'elenco dei Consorzi

Nel Borgo Medievale, una serata del XV secolo

Da maggio a settembre, a partire dalle ore 20, il Borgo Medievale aprirà le porte tutti i secondi venerdì del mese per serate tematiche speciali, senza limiti di orario e di spazio.

Si inizierà il 13 maggio, con una serata dedicata al XV secolo. Gruppi storici animeranno il borgo in costume, con quadri teatrali, danza e poesia, che racconteranno di giochi d'azzardo, liti tra popolani, tornei cavallereschi, duelli. Nel Salone di San Giorgio sarà la musica del XV secolo la grande protagonista, suonata con gli strumenti dell'epoca e danzata da dame in costume. Nel Cortile di Avigliana ci sarà una vera e propria taverna medievale, anche qui con figuranti in costume. Nella Caffetteria del Borgo ci saranno i piatti del XV secolo, per un tuffo nel passato anche in tema enogastronomico. E parteciperanno alla serata anche gli artigiani del Borgo, che mostreranno le tecniche utilizzate dai loro 'colleghi' del Medioevo. Sarà aperto anche il Castello, illuminato, ovviamente, da candele e torce, come se fossimo in pieno Quattrocento.

La cosa bella è che sin dall'apertura delle porte, il pubblico potrà mescolarsi con dame e cavalieri, popolani e artigiani, per un viaggio nel passato che promette di essere davvero suggestivo.

Il biglietto d'ingresso costa 10 euro, ridotto 7 euro.


Commenti