Vendemmia a Torino e Portici Divini: un autunno di eventi, tour e degustazioni con il vino

Vendemmia a Torino - Grapes in Town e Portici Divini ripetono la loro collaborazione anche nel 2021 e dal 22 ottobre al 7 novembre offrono a Torino un calendario di eventi con il vino e la sua cultura come protagonisti, online e in presenza. Vendemmia a Torino - Grapes in Town propone dirette in streaming, webinar e conversazioni dal suo nuovo sito, www.grapesintown.it , sull'app Grapes in Town (disponibile gratuitamente su Google Play e Apple Store) e sui suoi canali social. In presenza, ci sono la masterclass condotta da Lamberto Vallarino Gancia, wine expert, a Villa Sassi, le visite in cantina in occasione di Cantine Aperte in Vendemmia, la masterclass di fotografia della vigna urbana di Alba, la W ine Tasting Experience: turismo e sostenibilità a Villa Balbiano, a Chieri, e la masterclass delle Wine Angels. Belle anche le visite organizzate con Somewhere Tour &Events e con Promotur Viaggi, le trovate tutte, con tutte le info di costi e per le prenotazioni, sul sito di

Nel Borgo Medievale, una serata del XV secolo

Da maggio a settembre, a partire dalle ore 20, il Borgo Medievale aprirà le porte tutti i secondi venerdì del mese per serate tematiche speciali, senza limiti di orario e di spazio.

Si inizierà il 13 maggio, con una serata dedicata al XV secolo. Gruppi storici animeranno il borgo in costume, con quadri teatrali, danza e poesia, che racconteranno di giochi d'azzardo, liti tra popolani, tornei cavallereschi, duelli. Nel Salone di San Giorgio sarà la musica del XV secolo la grande protagonista, suonata con gli strumenti dell'epoca e danzata da dame in costume. Nel Cortile di Avigliana ci sarà una vera e propria taverna medievale, anche qui con figuranti in costume. Nella Caffetteria del Borgo ci saranno i piatti del XV secolo, per un tuffo nel passato anche in tema enogastronomico. E parteciperanno alla serata anche gli artigiani del Borgo, che mostreranno le tecniche utilizzate dai loro 'colleghi' del Medioevo. Sarà aperto anche il Castello, illuminato, ovviamente, da candele e torce, come se fossimo in pieno Quattrocento.

La cosa bella è che sin dall'apertura delle porte, il pubblico potrà mescolarsi con dame e cavalieri, popolani e artigiani, per un viaggio nel passato che promette di essere davvero suggestivo.

Il biglietto d'ingresso costa 10 euro, ridotto 7 euro.


Commenti