Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Sei incontri sugli oggetti montati al Museo Accorsi-Ometto

Il Museo Accorsi-Ometto ha riallestito la sala oggetti montati e ne approfitta per proporre una serie di appuntamenti a essa ispirati, tutti i sabati, fino al 4 giugno 2016, dalle ore 11 alle ore 12.30. Ma cosa sono gli oggetti montati? Sono parte di una tradizione barocca, che impreziosiva manufatti già di per sé raffinati con guarnizioni "straordinarie per forma e materiale", spiega il comunicato stampa del Museo di via Po, sono, insomma "eredi della grande tradizione francese degli smalti policromi". Rappresentano, in qualche modo, l'epoca posteriore al lungo regno del Re Sole, quando la corte di Francia si appassionò al lusso più raffinato. Ed è la Francia, più di tutti gli altri Paesi, a proporre quest'"universo rococò, fatto di fiori, uccelli e tenere figure in porcellana, inseriti all'interno di nobili giardini di bronzo".

Nel Museo Accorsi-Ometto potrete osservare molti manufatti di quest'epoca. I sei appuntamenti preparati per approfondire la conoscenza della sala oggetti montati sono condotti dal conservatore del Museo Luca Mana, che, dopo aver introdotto il tema nella Sala Conferenze, guiderà i partecipanti in un percorso tematico.

Il biglietto per partecipare costa 14 euro, ridotto 12, per i possessori delle tessere Abbonamento Musei e Torino + Piemonte Card 4 euro.

Il calendario degli appuntamenti è il seguente:

Sabato 7 maggio e sabato 28 maggio
"Tutto vendevano, nulla creavano": i mercanti del 'bello' nella Parigi del Settecento

Sabato 14 maggio e sabato 4 giugno
L'arte del tempo: dalla misurazione delle ore all'interpretazione dell'effimero

Sabato 21 maggio
Le forme del lusso. Origine e sviluppo degli oggetti montati, dal Medio Evo all'Età Moderna


Commenti