Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

La collezione Les Fleurs di De Wan colora l'estate 2016

E' tutta legata al linguaggio dei fiori, la collezione estiva di borse, bijoux e foulards di De Wan, storico marco torinese, che da oltre sessant'anni propone un lusso chic e accessibile, contando sulle eccellenze del made in Italy. Nella boutique di piazza Castello 132, potete trovare infatti Les Fleurs, la linea pensata per questa estate 2016 e ispirata al linguaggio dei fiori e al messaggio di gentilezza e bellezza che i fiori portano sempre con sé. Le borse della collezione Wandeling si arricchiscono di fiori colorati, grazie a una lavorazione esclusiva delle pelli, che integra i petali e le foglie in modo perfetto ai modelli, senza fare perdere loro l'idea fondamentale di praticità e stile, cari a tutte le donne, quando devono pensare a una borsa.

Anche i bijoux puntano sui fiori, sia nelle linee classiche che in quelle più giovani, con gioielli fantasia in metallo placcato oro o argento e satinato. I fiori scelti hanno un loro significato, che si rifà al linguaggio dei fiori affermatosi dal XIX secolo: c'è il fiore più affascinante di tutto, il fiore di pesco, insieme ai frangipani, simbolo di bellezza e semplicità, la tradescantia, che indica fierezza e tenacia, il platycodon, che è simbolo di speranza e perseveranza e si ritrova spesso sui kimono.

Tornano i fiori anche sui foulards, che riprendono quelli visti sulle borse: i lillium, sin dal Medio Evo simbolo di fierezza e nobilità d'animo, il narciso, che è simbolo di buoni auspici soprattutto nel lavoro, la peonia, che nella cultura giapponese rappresenta fortuna e ricchezza, il bocciolo di rosa, che indica amicizia, grazia, ammirazione e il myosotis, che secondo Plinio il Vecchio è salvezza dal negativo.

Un linguaggio dei fiori tutto da riscoprire e valorizzato da questa collezione colorata, che illumina l'estate (che arriverà, non smettiamo di crederci!) e che è rigorosamente Made in Italy. Anche per questo è sempre gradevole segnalare i marchi italiani impegnati a valorizzare e difendere i saperi e la cultura manifatturiera del nostro Paese.


Commenti