Quando si andava in spiaggia sul Po

Mentre arriva l'autunno, queste fotografie che arrivano dal passato, per raccontare quando i fiumi di Torino erano balneabili e chi non poteva raggiungere la Liguria e le spiagge approfittava delle rive del Po, della Stura e del Sangone (lungo la Dora sorgevano le industrie ed era per questo meno ambito; per questa stessa ragione, i bagni erano a monte della città, da Moncalieri fino all'altezza delle attuali Molinette, e non a valle, dove venivano versati nel fiume gli scarichi della città e delle sue industrie). Lungo il Po sorgevano veri e propri stabilimenti balneari, con ombrellini, sdraio e, nei casi di maggior lusso, con piscina propria, oltre alle acque del fiume. I bagni più belli, i Bagni Lido Savoia e i Bagni Diana, si trovavano sulla riva destra del Po, all'altezza, più o meno di Italia 61, ma sull'altro lato; avevano alle spalle la collina e in lontananza, guadando verso nord, la guglia della Mole Antonelliana (davanti la macchia verde che ci sarebbe

Eataly Lingotto inaugura la nuova Cantina, con proposte e attività

Al Lingotto, Eataly celebra i 10 anni dall'apertura della sua prima sede, nell'ex fabbrica di Carpano (qui il progetto raccontato dagli architetti!), con una nuova Cantina, più ricca e più attenta alle produzioni nazionali e internazionali. Inaugurata pochi giorni fa, ospita ben 5mila etichette, per 30mila bottiglie provenienti da 30 Paesi; grande spazio, ovviamente, alle eccellenze piemontesi, dal Barolo al Barbaresco, ma anche uno Spazio Bollicine per champagne, prosecchi e spumanti, e una Zona Cult con gioielli come le annate storiche del Barolo. Presenti anche 500 etichette di liquori, dal vermouth alle grappe, dai rum ai whisky, e uno spazio speciale per la birra, con 11mila bottiglie, di cui 6mila artigianali italiane.


La cosa interessante è che la Cantina non accoglie solo gli alcolici, ma anche la stagionatura dei salumi e dei formaggi: "Il Culatello di Zibello, il prosciutto di Parma, Il Castelmagno e le altre eccellenze norcine e casare, in vendita al banco e in degustazione presso i Ristorantini al piano superiore, sono conservate ed esposte in un angolo aperto al pubblico e ricco di fascino, dove immergersi negli odori enei profumi tipici dei territori e dei luoghi in cui si affinano queste bontà tutte italiane. I clienti possono inoltre scegliere il formaggio o il salume che preferiscono, acquistarlo e far concludere la stagionatura nelle Cantine di Eataly: un'opportunità unica!" assicura il comunicato stampa di Eataly.

L'apertura della nuova Cantina porta ovviamente con sé anche nuove proposte per gli altri spazi. Per esempio, nel WineBar e da Pane & Vino, i vini in Carta sono aumentati da Pane e Vino sono accompagnati da "stuzzicherie preparate con gli Alti Cibi in vendita nel Mercato di Eataly, gli Specialmente, una selezione dei migliori formaggi e salumi e i Vicini, i piatti stellati di Claudio e Anna del ristorante Casa Vicina".

Seguendo la filosofia di Eataly, la nuova Cantina ospiterà presto attività didattiche, con novità e approfondimenti: dalle cene con i produttori vitivinicoli alle lezioni e incontri di degustazione (il programma presto online su www.torino.eataly.it). La Cantina di Eataly Lingotto, in via Nizza 230/14, è aperta tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 22.30; sabato e domenica apertura prolungata alle ore 00.30.


Commenti