Il Giardino dell'Antico Egitto, che sarà una serra dal 2024, al Museo Egizio

Un nuovo spazio verde nel cuore di Torino da non perdere di vista, stavolta in uno dei suoi cortili più frequentati, quello del Museo Egizio. Il Cortile Aperto: Flora dell'antico Egitto è un giardino aperto gratuitamente nello spazio che porta verso la biglietteria, ed è il primo passo della trasformazione dell'intera corte, in vista delle celebrazioni per il bicentenario del Museo, nel 2024. Il cortile interno "del seicentesco palazzo del Collegio dei Nobili, che verrà coperta da una cupola in acciaio e vetro, al di sotto della quale ci sarà un giardino egizio permanente, di cui ora viene inaugurata una prima parte" anticipa il comunicato stampa. Tra le piante selezionate, "il loto azzurro, con i suoi fiori che si schiudono all'alba per poi richiudersi al tramonto, simbolo di rinascita e rigenerazione e non può mancare il papiro, che originariamente cresceva in fitte paludi lungo il Nilo o lungo il suo delta ed era la pianta araldica del Basso Egitto&qu

Il Premio Mario Tosi: giovani designer per il sito del Museo Egizio

Essendo totalmente convinta del dovere di pagare il lavoro creativo e certamente non con la visibilità, ma con denaro, non posso non segnalare il Premio Mario Tosi per la comunicazione dell'antico, voluto dall'Associazione Amici e Collaboratori del Museo Egizio, Gli Scarabei, per riconoscere il lavoro del giovani web designer e laureati in discipline legate al design e alla comunicazione.


Il premio, intitolato al famoso egittologo, morto nel 2014, mette a disposizione una borsa di 5000 euro per quattro mesi, durante i quali il candidato vincitore collaborerà con il team del Museo Egizio incaricato di realizzare il sito web istituzionale. "Oggi, il dialogo tra civiltà antiche e società contemporanea necessita di una sempre maggiore interazione tra discipline scientifiche, archeologiche e nuove tecnologie per l'individuazione di un linguaggio contemporaneo che, per essere efficace, non può non avvalersi di esperienze e strumenti provenienti da altre discipline come il web design, la comunicazione e le digital humanities" spiega il comunicato stampa.

Le candidature vanno presentate entro le ore 12 del 20 febbraio 2017, il bando è nel sito www.acme-museoegizio.it. Il premio viene realizzato con la collaborazione della Fondazione Museo delle Antichità Egizie, del Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino e dell'Istituto d'Arte Applicata e Design di Torino.


Commenti