I Voucher Vacanze del Piemonte, dormi 3 paghi una notte, fino alla primavera 2022

Dato il successo dell'iniziativa e tutte le volte che la Regione Piemonte l'ha prolungata, chissà che non sia un nuovo modello per il turismo, in attesa di un ritorno alla normalità, si spera per il 2022. Tornano i Voucher Vacanze della Regione Piemonte, grazie ai quali si dormono 3 notti e se ne paga solo una nelle strutture aderenti (alberghi, residence, B&B, agriturismi, affittacamere, ecc ecc) e si pagano i servizi turistici a metà prezzo. I voucher possono essere prenotati entro il 31 dicembre 2021 e utilizzati entro il 30 giugno 2022. Il loro funzionamento è semplice, ma cambia in base alle ATL sotto le quali si trova la località prescelta: se volete soggiornare nelle Langhe, dovete controllare quali sono i passi da seguire per prenotare i voucher nelle Langhe, idem se pensate alle dolci colline del Canavese, alle valli alpine del Cuneese, ai laghi del Piemonte settentrionale. Per identificare le ATL, c'è www.visitpiemonte.com , che ha l'elenco dei Consorzi

Il Salone del Vino debutta alla Palazzina di Stupinigi

L'associazione tra la Palazzina di Caccia di Stupinigi, splendida sede del loisir sabaudo, e il vino non può che incurosire, bisogna ammetterlo. L'idea è venuta a Level Up, che qui organizzerà il I Salone del Vino torinese, dal 17 al 19 febbraio 2017. Sarà una tre giorni "dedicata alle migliori cantine nazionali ed internazionali, con corsi a cura dei sommelier della Fisar e degustazioni tematiche" aassicura il comunicato stampa della manifestazione.


La location scelta sono le due citroniere della Palazzina: dove un tempo i Savoia conservavano gli agrumi, il Salone del Vino porterà le degustazioni, i corsi con i sommelier, i finger food da un lato e la vendita e la promozione delle aziende vinicole dall'altro. Con i ruoli delle due citroniere così ben definiti, è facile capire come sarà possibile interagire tra contenitori e contenuto, muovendosi dall'una all'altra. Saranno presenti cantine di ogni parte d'Italia e di numerosi Paesi, tra cui Francia, Spagna, Israele, Grecia, Germania, Romania, Portogallo, Russia, Ungheria, Usa, Argentina, Cile, Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa, Cina, Giappone e Libano.

Le degustazioni potranno avvenire dopo aver ritirato lo scontrino nelle casse centrali, ci saranno anche pacchetti ad hoc per garantirsi un numero maggiore di assaggi. E il rapporto tra vino e cibo troverà il suo momento più alto nei pranzi e nelle cene esclusivi, organizzati nella Citroniera in cui si trovano le aziende vinicole, per 60 euro a persona e con un menù che prevede Antipasti Piemonte experience, La battuta di fassone con pera candita e pistacchio di Bronte, La salsiccia di Bra, Primo del Re, Il pacchero alla Vittorio Emanuele con ragù di vitello e di salsiccia di Bra, Secondo da sogno, Il medaglione al Barolo caramellato accompagnato da ratatouille di verdure croccanti, Dessert, Il gianduiotto di Torino su crema al Barolo chinato, Quattro calici di vino (uno per portata) scelti dai sommelier, Pane e grissini, acqua e coperto inclusi nel prezzo.

In programma anche un ciclo di degustazioni tematiche, realizzato grazie ai sommelier della Fisar (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori, delegazione di Torino) nella Sala dei Camini (17 febbraio dalle 18 alle 20, 18 e 19 febbraio dalle 17 alle 19), durante il quale ci sarà una degustazione di rossi o bianchi con un accompagnamento di cibo dolce o salato, al costo di 20 euro (info e prenotazioni tel 345 42 89 359).

Il Salone del Vino sarà aperto il 17 febbraio dalle ore 18 alle 24, il 18 e 19 febbraio dalle ore 12 alle 24.


Commenti