Lungo i Sentieri dei Frescanti, gli affreschi e i tesori d'arte più antichi del Roero

Un'estate che non invita i più prudenti ai viaggi all'estero quanto alla (ri)scoperta del proprio territorio. E tra le cose da scoprire alle porte di Torino, ci sono i Sentieri dei Frescanti, che si sviluppano nel Roero e che per tutta l'estate aprono le porte di piccole chiese, cappelle e santuari che punteggiano le colline tra Alba e Asti, a circa un'ora di macchina dal capoluogo piemontese. È un circuito davvero affascinante, che svela la storia millenaria e le culture di un'area famosa per la bellezza del suo paesaggio e la ricchezza della sua enogastronomia. Affreschi nella Cappella di San Servasio a Castellinaldo d'Alba (sin) il Santuario della Madonna di Tavoletto, a Sommariva Perno (des) Mi piace come il comunicato stampa descrive questa ricchezza storica e culturale, un vero affresco di genti: i Sentieri dei Frescanti "si snodano infatti attraverso castelli, chiese cittadine, cappelle campestri, un tempo asilo e protezione per i pellegrini che p

Verso il Salone del Libro: il selfpublishing di LibroLibero al Salone Off

Se siete autori di un libro e lo avete autopubblicato, sia edizione cartacea o ebook non importa, non perdete l'occasione offerta da LibroLibero, iniziativa che intende dare spazio al self publishing nell'ambito del programma del Salone Off . "L'idea, nata dalle associazioni, dai locali e dalle attività commerciali del Quadrilatero Romano, è di mettere in vetrina e di presentare, in occasione del 30° Salone del Libro, gli scrittori che gravitano nel mondo del self publishing o nel fai da te della scrittura. L'obiettivo dichiarato è di offrire una 'casa' temporanea per iniziative di auto-promozione a chi per vari motivi una vera casa editrice non ce l'ha e ha deciso di pubblicarsi in proprio" spiega Fabrizio Vespa, che promuove il progetto.


Per partecipare a LibroLibero, bisogna inviare la propria opera, all'email libroliberotorino@gmail.com, entro il 10 maggio 2017. "I titoli raccolti saranno valutati e selezionati da un comitato di esperti e, prima e durante i giorni della kermesse libraria, saranno 'adottati' dai luoghi di maggiore frequentazione dell'antica pianta romana della città, in cui saranno presentati e messi in esposizione". In questo modo, spiega ancora il comunicato, il Quadrilatero si trasformerà in una sorta di "porto franco della letteratura, dove chi non ha una struttura editoriale alle spalle, potrà ricavarsi uno dedicato spazio per farsi conoscere". Una bella idea, se si considera che il Salone del Libro chiuderà tutti i giorni alle ore 20, per consentire ai suoi visitatori di partecipare alle iniziative serali preparate a Torino per celebrarlo. Ed è bello che nei giorni del Salone ci sia spazio anche per chi autopubblica un libro e crede fermamente nel sogno della letteratura. In bocca al lupo a chi parteciperà!


Commenti