Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Verso il Salone del Libro: il selfpublishing di LibroLibero al Salone Off

Se siete autori di un libro e lo avete autopubblicato, sia edizione cartacea o ebook non importa, non perdete l'occasione offerta da LibroLibero, iniziativa che intende dare spazio al self publishing nell'ambito del programma del Salone Off . "L'idea, nata dalle associazioni, dai locali e dalle attività commerciali del Quadrilatero Romano, è di mettere in vetrina e di presentare, in occasione del 30° Salone del Libro, gli scrittori che gravitano nel mondo del self publishing o nel fai da te della scrittura. L'obiettivo dichiarato è di offrire una 'casa' temporanea per iniziative di auto-promozione a chi per vari motivi una vera casa editrice non ce l'ha e ha deciso di pubblicarsi in proprio" spiega Fabrizio Vespa, che promuove il progetto.


Per partecipare a LibroLibero, bisogna inviare la propria opera, all'email libroliberotorino@gmail.com, entro il 10 maggio 2017. "I titoli raccolti saranno valutati e selezionati da un comitato di esperti e, prima e durante i giorni della kermesse libraria, saranno 'adottati' dai luoghi di maggiore frequentazione dell'antica pianta romana della città, in cui saranno presentati e messi in esposizione". In questo modo, spiega ancora il comunicato, il Quadrilatero si trasformerà in una sorta di "porto franco della letteratura, dove chi non ha una struttura editoriale alle spalle, potrà ricavarsi uno dedicato spazio per farsi conoscere". Una bella idea, se si considera che il Salone del Libro chiuderà tutti i giorni alle ore 20, per consentire ai suoi visitatori di partecipare alle iniziative serali preparate a Torino per celebrarlo. Ed è bello che nei giorni del Salone ci sia spazio anche per chi autopubblica un libro e crede fermamente nel sogno della letteratura. In bocca al lupo a chi parteciperà!


Commenti