La Manica della Fondazione Collegio Universitario Einaudi, colorato e accogliente

Un edificio degli anni '50, in corso Lione, trasformato in La Manica, un collegio universitario da 41 posti, a pochi passi dal Politecnico e a poca distanza dalle fermate dei bus che conducono verso le diversi sedi universitarie sparse in città. È la bella operazione appena completata dalla Fondazione Collegio Universitario Einaudi, che, spiega nel comunicato stampa, "è impegnata nel rinnovamento di tutte e cinque le proprie residenze e nel recupero di immobili di proprietà fino ad oggi adibiti ad altri usi, con l'obiettivo da una parte di adeguarle a esigenze e standard della vita contemporanea, dall'altra di ampliare il numero di posti di studio e contribuire così all'aumento di questo tipo di offerta da parte del Sistema Universitario Torinese". La ristrutturazione de La Manica è piuttosto interessante perché garantisce ai 41 studenti non solo spazi privati dotati di tutti i comfort, manche ampi luoghi di socializzazione. Realizzata su progetto di DAR

Al Circolo dei Lettori si parla di città lente e qualità della vita

Quanto conta il lento, nella qualità della vita? Si parla sempre più di slow food (cibo lento, nel senso di goduto a tavola il tempo necessario), slow tourism (nel senso di viaggio goduto senza fretta), slow life (nel senso di vita vissuta senza troppa frenesia). Non sarà che anche le nostre città debbano diventare più lente? Se lo chiedono al Circolo dei Lettori (via Bogino 9), lunedì 15 maggio alle ore 18, i protagonisti dell'incontro Slow life slow city: l'assessore alla Cultura e Turismo della Regione Piemonte Antonella Parigi, accompagnata dai sindaci di Bra (CN) Bruna Sibille e Chiaverano (TO) Maurizio Fiorentini, dal segretario generale di Cittaslow International Pier Giorgio Oliveti, da Francesco Guida, che fu uno dei sindaci fondatori del movimento, e dall'antropologo Adriano Favole; modera la discussione il giornalista Francesco Marino.


L'incontro è l'occasione per conoscere Cittaslow, una rete di Comuni di diverse dimensioni, impegnati a migliorare la qualità della vita degli abitanti e dei visitatori, trasferendo al governo delle città la filosofia e le buone pratiche maturate nelle esperienze di Slow Food. Quest'idea iniziale è già un programma, essendo l'enogastronomia sostenibile e rispettosa delle caratteristiche autoctone dei prodotti, il filo da cui ripartire. Cittaslow è un titolo che viene concesso ai Comuni con meno di 50mila abitanti, che non siano capoluogo di provincia e che rispettino le caratteristiche dello Statuto e, attenzione, non è un titolo assegnato per sempre: va rinnovato ogni 3 anni, solo se vengono mantenute le caratteristiche richieste. Attualmente ci sono in Piemonte tre città slow, oltre Bra e Chiaverano, c'è Casalbetrame, in provincia di Novara. Il sito web del movimento, se volete saperne di più, è www.cittaslow.it.


Commenti