Tre visite tematiche a Villa della Regina

Tre visite tematiche a Villa della Regina con Federico Fontana, direttore dei lavori di restauro che hanno riportato a nuova vita questa residenza sabauda adagiata sulla collina e con vista invidiabile su Torino. Un'occasione speciale per scoprire come sono stati valorizzati non solo l'edificio, ma anche il parco, i giardini, la vigna, i padiglioni barocchi. L'architetto Fontana, spiega il comunicato stampa, "conduce i visitatori alla scoperta dei giardini e del parco focalizzando l’attenzione sugli aspetti peculiari dell'intero complesso: la composizione e il significato simbolico del Teatro delle acque, che si sviluppa dallo spazio semicircolare del Cortile d'onore, o Esedra, fino al Belvedere Superiore; la destinazione agricola di parte del parco della Villa, analizzandone gli usi originari e attuali attraverso curiosità storiche e botaniche; le trasformazioni del complesso avvenute nel corso dell'Ottocento, dopo l'occupazione francese, per arriva

Un weekend catalano a Torino, con sorprese ed eccellenze

Doveva esserci la Spagna incontra Torino, in questo 2017, dopo gli incontri con la Francia nel 2013 e con Berlino nel 2015. Per mai spiegate scelte politico-culturali non è andata così e ci siamo persi il lungo incontro con la Piel de Toro, uno dei Paesi culturalmente più vicini a noi e che oggi è una delle mete predilette dei viaggi italiani (perché sarà che anche da Torino i voli verso Barcellona e verso Madrid sono sempre tra i più affollati?).


Perduto questo affascinante incontro, però, Torino può contare su un weekend dedicato alla più ribelle e indipendentista delle Comunidades Autónomas spagnole, la Catalogna, il cui rapporto di odio-amore con la Spagna anima il dibattito politico-culturale del Paese. Dal 19 al 21 maggio 2017, la Catalogna presenterà ai torinesi le eccellenze della sua cultura, dall'arte alla gastronomia, dalla natura alle attività sportive. La Catalogna non è Spagna, secondo uno slogan reso famoso al mondo dai tifosi al Camp Nou del Barça, ma non è neanche solo Barcellona e, al di fuori del suo vivace e affascinante capoluogo, ha davvero tanto da offrire (per esempio, sapevate che l'unico parco tematico della Ferrari è a poche decine di km da Barcellona?). A Torino potremo scoprirlo grazie al Catalan Tourist Board e alla Generalitat de Catalunya, insieme agli enti turistici della Costa Brava e della Costa Dourada, di Terres de l'Ebre e di Terres de Lleida, di Barcellona e della sua provincia, oltre che di Vueling Airlines, la compagnia aerea che da anni garantisce i collegamenti tra Torino e Barcellona.

Il lungo weekend catalano avrà come cuore piazza Carlo Alberto, dove dal 19 maggio sarà allestita una mostra di immagini del fotografo francese Yann Arthus-Bertrand: la sua particolarità è che tutto le foto sono riprese con un'ottica speciale, dal cielo. Tra le numerose attività organizzate, ci sono wine painting con l'artista Maurizia Gentili (19 maggio, ore 14-18), showcooking con la finalista di Masterchef 5 Alida Gotta (20 maggio, ore 14.30-16.30), laboratori per i più piccoli (il 20 maggio al Salone del Libro, ore 16.45, Il drago che leggeva romanzi d'amore; il 21 maggio, ore 14.30-18.30 in piazza Carlo Alberto) e poi dimostrazioni della cultura catalana con degustazioni della gastronomia, dalla birra ai dolci (20 maggio), e con balli come la Sardana, il ballo più famoso della regione (21 maggio dalle ore 17). Per chi vuole approfondire la conoscenza della regione e organizzare magari un viaggio a Barcellona e dintorni, il Catalan Tourist Board aprirà le porte venerdì dalle ore 10.30 e sarà disponibile tutti i giorni per fornire informazioni turistiche. E, sempre a proposito di turismo, nella tre giorni catalana, chi seguirà sui social la Catalunya Experience riceverà uno speciale Passaporto Turistico Catalano, e tante altre sorprese, da scoprire in piazza Carlo Alberto.


Commenti