Un menù autunnale a filiera cortissima e autoprodotta, la svolta di Affini

Un menù autunnale che è risultato di un progetto bello e ambizioso, pensato avendo l'Agenda 2030 dell'ONU come direzione. Il Gruppo Affini svolta verso il controllo della filiera produttiva, sempre più corta, così da rispondere in modo concreto alle esigenze di sostenibilità, più urgenti da dopo il lockdown. Da Green Pea, dove il suo terzo locale (gli altri due sono a San Salvario ea Porta Palazzo) sta per festeggiare un anno di apertura, Davide Pinto spiega come il periodo di chiusura sia stato utilizzato per lo studio e le sperimentazioni: "Il delivery ci ha annoiato subito, sapevamo che non era la nostra soluzione" ha spiegato. Così, durante la pausa delle attività, insieme al suo team, (l'aromatiere e distillatore Alfedo La Cava e il bar manager Michele Marzella in primis ), si è dedicato alla ricerca di nuovi metodi di produzione, con cui sono arrivate anche nuove collaborazioni. Artigiani Gentili , questo il nome del progetto, ha una parte legata alle

Di Freisa in Freisa scopre versatilità e cultura del vitigno dai mille volti

Un'edizione speciale, per Di Freisa in Freisa, che quest'anno, il 17 e 18 giugno 2017, a Chieri (TO), celebra anche i 500 anni dalla prima notizia storica del vitigno piemontese, è infatti del 1517 la bolla doganale che lo cita per la prima volta. Un vitigno, mille volti è il filo conduttore di questa ottava edizione, per celebrare la versatilità di questo vitigno, i cui vini accompagnano dagli antipasti al dessert, con sapori forti e decisi e con la leggerezza delle bollicine. Le protagoniste assolute di Di Freisa in Freisa saranno le cinque DOC: Freisa di Chieri, Freisa d'Asti, Monferrato Freisa, Langhe Freisa e Colli Tortonesi Freisa; saranno loro a marcare il ritmo nelle vie del centro storico di Chieri, in una sorta di Enoteca all'aperto, tra piazza Cavour, piazza Umberto I e corso Vittorio Emanuele II, in cui sarà possibile assaggiarle con un coupon da 4 assaggi per 8 euro.

Di Freisa in Freisa, però, non è solo degustazioni. Si è sempre distinta per essere una manifestazione che racconta il Freisa e il mondo che lo circonda: ci saranno laboratori, incontri, degustazioni, proposte culinarie. Per esempio, piazza Cavour sarà una nuova Piazza del Gusto, dove i vini si abbineranno ai prodotti d'eccellenza dei Maestri del Gusto di Torino e ai piatti di altre regioni d'Italia. In piazza Umberto I ci saranno numerosi laboratori per il pubblico e, fa sapere il comunicato stampa, "si parlerà di riscatto degli autoctoni e piccole DOC, ma anche di terroir ed effervescenza, legami tra fotografia e vino, abbinamenti e mix, come quello che vedrà la storia del Freisa e del Vermouth 'miscelate' in un'edizione speciale della Martini Bar Academy". Per partecipare ai laboratori, meglio prenotare, a questo link, freisalounge.eventbrite.com, oppure alle casse di vendita dei carnet degustazione.

Il programma propone rimandi e contaminazioni continue, perché questo è bello del Freisa, sottolineato in conferenza stampa da Luca Balbiano, presidente del Consorzio del Freisa di Chieri: chi sceglie il Freisa sceglie uno stile di vita, attento alla qualità, al territorio, alla cultura, non è solo vino, insomma. E Di Freisa in Freisa lo dimostra con i suoi concerti, i suoi contest fotografici, le sue mostre. E poi c'è Chieri, con le sue atmosfere medievali, che per un weekend diventa capitale e punto di riferimento degli amanti del vino: il 17 giugno, alle ore 17, un itinerario nel suo centro storico permetterà di scoprire i suoi gioielli e la sua storia (prenotazione obbligatoria entro venerdì, email chieri@coopitur.com, tel 011 9428440; 8 euro a persona, comprensivi di visita guidata e degustazione).

40 ristoranti ed enoteche locali proporranno menù a tema, mentre sette cantine tra le colline chieresi e astigiane apriranno le porte ai visitatori (Rubatto, Balbiano, Il Girapoggio, La Borgarella, Terra dei Santi, Cascina Gilli e Rossotto). Si potrà inoltre visitare il vigneto sperimentale dell'Università di Torino, nel centro Bonafous di Strada Pecetto (domenica alle ore 10, prenotazione obbligatoria a cantina.sperimentale@unito.it).

Il programma completo, in pdf, su www.comune.chieri.to.it.


Commenti