Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Quando il Lingotto era lontano da Torino. E guardava i Poveri Vecchi

Il Lingotto è uno degli edifici più spettacolari di Torino, per questo di tanto in tanto torno a parlarne sul blog. Mi piace la sua storia, mi piace la sua architettura. Quando fu costruito, a partire dagli anni Dieci del Novecento, venne praticamente demolita buona parte del borgo Nizza Millefonti, che poi nel suo sviluppo dovette adattarsi alla grande fabbrica; quando, negli anni 80, fu ristrutturato, fu chiamato uno degli architetti italiani più apprezzati del mondo, Renzo Piano, e di nuovo Nizza Millefonti dovette adattarsi a questo gigante scomodo che cambiava funzione.


Mi piace la sua architettura razionale e rigorosa, che rivela le stesse caratteristiche nella concezione del lavoro, nei suoi spazi interni: un lavoro reso razionale e rigoroso dall'organizzazione fordista delle catene di montaggio; e anche nella riqualificazione firmata da Piano, il ritmo delle aperture stabilisce rigorosamente quello degli spazi interni, siano uffici o stanze degli hotel ospitati ai piani alti dell'edificio.

Oggi che il Lingotto è inserito in un quartiere popoloso ed è circondato dagli edifici, è difficile cogliere la sua grandiosità. Per questo mi piace questa foto d'epoca, trovata su Torino Sparit di skyscraperscity.com, che dà un'idea di quanto fosse gigantesco, all'immortalarlo quando tutt'intorno era ancora campagna, la stazione ferroviaria Lingotto era utilizzata praticamente solo per il trasporto delle merci e in lontananza si vedeva l'edificio dei Poveri Vecchi. Praticamente il Lingotto e i Poveri Vecchi si guardavano l'un l'altro e chi l'avrebbe detto che erano uno di fronte all'altro, prima che Torino si espandesse fino a inglobarli. I Poveri vecchi, un'altra realtà torinese di cui Rotta su Torino dovrà parlare in futuro, per quello che rappresenta e che ha rappresentato, sia nella storia che nell'architettura (l'uso dei laterizi che ritorna e ricorda i grandi architetti del Barocco torinese!) che in quella sociale.


Commenti