La Manica della Fondazione Collegio Universitario Einaudi, colorato e accogliente

Un edificio degli anni '50, in corso Lione, trasformato in La Manica, un collegio universitario da 41 posti, a pochi passi dal Politecnico e a poca distanza dalle fermate dei bus che conducono verso le diversi sedi universitarie sparse in città. È la bella operazione appena completata dalla Fondazione Collegio Universitario Einaudi, che, spiega nel comunicato stampa, "è impegnata nel rinnovamento di tutte e cinque le proprie residenze e nel recupero di immobili di proprietà fino ad oggi adibiti ad altri usi, con l'obiettivo da una parte di adeguarle a esigenze e standard della vita contemporanea, dall'altra di ampliare il numero di posti di studio e contribuire così all'aumento di questo tipo di offerta da parte del Sistema Universitario Torinese". La ristrutturazione de La Manica è piuttosto interessante perché garantisce ai 41 studenti non solo spazi privati dotati di tutti i comfort, manche ampi luoghi di socializzazione. Realizzata su progetto di DAR

Quando il Lingotto era lontano da Torino. E guardava i Poveri Vecchi

Il Lingotto è uno degli edifici più spettacolari di Torino, per questo di tanto in tanto torno a parlarne sul blog. Mi piace la sua storia, mi piace la sua architettura. Quando fu costruito, a partire dagli anni Dieci del Novecento, venne praticamente demolita buona parte del borgo Nizza Millefonti, che poi nel suo sviluppo dovette adattarsi alla grande fabbrica; quando, negli anni 80, fu ristrutturato, fu chiamato uno degli architetti italiani più apprezzati del mondo, Renzo Piano, e di nuovo Nizza Millefonti dovette adattarsi a questo gigante scomodo che cambiava funzione.


Mi piace la sua architettura razionale e rigorosa, che rivela le stesse caratteristiche nella concezione del lavoro, nei suoi spazi interni: un lavoro reso razionale e rigoroso dall'organizzazione fordista delle catene di montaggio; e anche nella riqualificazione firmata da Piano, il ritmo delle aperture stabilisce rigorosamente quello degli spazi interni, siano uffici o stanze degli hotel ospitati ai piani alti dell'edificio.

Oggi che il Lingotto è inserito in un quartiere popoloso ed è circondato dagli edifici, è difficile cogliere la sua grandiosità. Per questo mi piace questa foto d'epoca, trovata su Torino Sparit di skyscraperscity.com, che dà un'idea di quanto fosse gigantesco, all'immortalarlo quando tutt'intorno era ancora campagna, la stazione ferroviaria Lingotto era utilizzata praticamente solo per il trasporto delle merci e in lontananza si vedeva l'edificio dei Poveri Vecchi. Praticamente il Lingotto e i Poveri Vecchi si guardavano l'un l'altro e chi l'avrebbe detto che erano uno di fronte all'altro, prima che Torino si espandesse fino a inglobarli. I Poveri vecchi, un'altra realtà torinese di cui Rotta su Torino dovrà parlare in futuro, per quello che rappresenta e che ha rappresentato, sia nella storia che nell'architettura (l'uso dei laterizi che ritorna e ricorda i grandi architetti del Barocco torinese!) che in quella sociale.


Commenti