Cosa fare a ottobre 2017 a Torino: mercatini, fiere, festival, incontri

Cosa fare in città nel primo mese intero d'autunno? A Rotta su Torino arrivano sempre tante proposte, mi riesce sempre complicato dedicare un articolo a ognuna di loro, per cui vi segnalo le prime che non dovreste perdere, siate torinesi o turisti.

Il 1° ottobre, nel Parco di Stupinigi, c'è la tradizionale Fiera di Stupinigi, che trovate tra gli antichi poderi e il viale dei pioppi che porta alla Palazzina. Dalle ore 9, l'apertura della Fiera propone i mercatini di prodotti ed eccellenze del territorio a cura di Campagna amica e dell'antiquariato minore; alle ore 10 apre la Palazzina di Caccia, mentre alle ore 12 è la volta dello stand gastronomico Stupinigi è... con la polenta con cinghiale del Parco e altri piatti preparati con i prodotti delle aziende dell'Associazione del Parco di Stupinigi; dalle ore 15.30, una passeggiata lungo il viale di Stupinigi con il Gruppo Storico Conte Occelli di Nichelino e dalle ore 15 ci sarà la pizza cotta al forno a legna, preparata con i prodotti delle aziende locali. Per tutta la giornata di Fiera, ancora, Filiera in fiera racconterà la filiera di Stupinigi, dalla farina fino al pane e alla pizza, ci sarà il trenino per le visite al Parco Naturale, sarà possibile effettuare giri sui pony e seguire gli spettacoli dei cavalli frisoni. Tutte le informazioni su www.facebook.com.

In Borgo Dora, sempre il 1° ottobre, c'è A spasso nel Tempo, la Festa del Balon, con la suddivisione in aree storico tematiche, eventi musicali, esposizione di collezionismo tra antiquariato, vintage, etnico e brocantage; ci saranno anche mini ambientazioni storiche da poter utilizzare come set fotografici.

Il 4 ottobre, alla Libreria Therese di corso Belgio 49bis/A, dalle ore 19 ci sarà un bell'incontro: Petunia Ollister (pseudonimo di una conservatrice dei Beni Culturali) presenterà il suo volume edito da Slow Food Editore, che raccoglie i #bookbreakfast da lei pubblicati su Instagram; causa insonnia, Petunia ha sempre letto tanto e da gennaio 2015 pubblica su Instagram le immagini di colazioni lente e libri da leggere. Con lei, Hamilton Santià, critico culturale ed esperto di comunicazione, coinquilino di Petunia, che chissà cosa avrà da aggiungere: "Non vi resta che venire alla Therese, accomodarvi e assistere a più di una semplice presentazione, quasi una sitcom con annessi festeggiamenti itineranti tra Vanchiglietta e Vanchiglia che 'Blake Edwards, levati!'" assicura Libreria Therese sulla pagina dell'evento, su Facebook. La serata sarà completata da un aperitivo, da prenotare al tel 011 882631 o scrivendo a info@libreriatherese.it; l'ingresso è libero, ma costa 6 euro per chi intende consumare l'aperitivo.

In piazza Madama Cristina, l'8 ottobre, è tempo di San Salvario Emporium, il mercato dedicato all'artigianato, al design e all'editoria indipendente, diventato ormai una delle certezze mensili per gli amanti dei mercatini. Nel corso del tempo si è arricchito di workshop e dimostrazioni, a cura degli artigiani; il food corner, che offre cibo di strada, conta sulla collaborazione di ristoranti e locali di San Salvario, mentre la Busking Zone dà spazio a complessi, cantautori e artisti di strada. Nelle piccole bancarelle, stilisti, artigiani, designer, illustratori provenienti da tutta Italia, che creano prodotti originali in pezzi unici. Un mercatino in cui non si smette mai di scoprire cose belle.

Il 22 ottobre torna in piazza Madama Cristina il Festival del Bagnet Verde: le modalità di partecipazione non sono cambiate. Basta formare una squadra e iscriversi attraverso il modulo che si trova all'indirizzo www.bagnettoverde.it; poi è tutta questione di allenamento per preparare la propria ricetta. Il bagnet viene preparato in piazza, con prezzemolo e aglio forniti dall'organizzazione (il resto viene portato dai partecipanti, in base alla propria ricetta). Una giuria popolare (il pubblico assaggia e giudica) e una di esperti proclameranno il vincitore del Gran Premio del Bagnet Vert. Per info info@bagnettoverde.it. Ad accompagnare il Festival, ci sarà Birra Madama, che compie tre anni e li festeggia in piazza Madama Cristina, di cui porta il nome: ci saranno alcune delle sue più apprezzate birre artigianali, la Golden, la Mia, l'America B e la Molesta; saranno presenti anche altre sedici birre di realtà di eccellenza a cui Birra Madama si ispira. Tra gli ospiti, tutti i birrifici torinesi (Birrificio Torino, Birrificio San Paolo e Piazza dei Mestieri) e alcuni provenienti da altre province.

Il 7 ottobre aprirà a Palazzo Chiablese la mostra dedicata a Joan Mirò, uno degli eventi culturali dell'autunno torinese, e il 26 ottobre Theatrum Sabaudiae Torino proporrà una serata tutta catalana: alle ore 18.40 ci sarà una visita guidata alla mostra e di seguito un aperitivo catalano (30 euro a persona, 19 per i possessori della tessera Abbonamento Musei Torino, prenotazioni su www.arteintorino.com).


Commenti