Nei Giardini Reali di Torino, riaperti al pubblico

I Giardini Reali sono stati recentemente riaperti al pubblico e a Torino è stato subito uno degli eventi culturali dell'anno. È la prima volta, da quando è iniziata la riorganizzazione di Palazzo Reale, Armeria Reale, Galleria Sabauda e Museo d'Antichità in una sola realtà museale, che ne sapesse leggere le identità specifiche all'interno di un unico complesso, ovvero i Musei Reali, che i Giardini possono essere visitati nella loro completezza. Si tratta del lato dei Giardini da viale dei Partigiani verso ovest, verso la Manica Nuova, che ospita oggi la Galleria Sabauda (il "peccato originale" che impedisce una visita a tutto il complesso e di leggere l' unicum che è stato è proprio la costruzione di viale dei Partigiani, che taglia in due i Giardini, ma pazienza, la stratificazione storica è anche questo). Già aperti al pubblico il Giardino Ducale, che fu voluto dal duca Emanuele Filiberto, e il Boschetto, in questi giorni è tornato visitabile anche il

Arriva il Dora Express, bus rapido tra Stazione Dora e Porta Susa

Sarebbe stato tutto più semplice se lungo il Passante Ferroviario fosse stata realizzata una Stazione Dora sotterranea, a cui avrebbero avuto accesso, mediante collegamento pedonale sotterraneo (tapis-roulant inclusi?), anche i passeggeri della SFM-A, proveniente dall'Aeroporto di Caselle; un po' come Nuevos Ministerios a Madrid, da cui i passeggeri in arrivo dall'aeroporto di Barajas, entrano nella rete delle metropolitane madrilene, per raggungere la propria destinazione. Ma l'Italia non sempre ama le cose semplici.


Così, per cercare di avvicinare l'attuale Stazione Dora, su cui fa capolinea la SFM-A, alla Stazione di Porta Susa, in cui transitano treni e metropolitana, da oggi entra in servizio il Dora Express, una nuova linea di bus di GTT, pensata per un collegamento veloce tra le due stazioni. Ci sono solo due fermate in mezzo, piazza Statuto e piazza XVIII dicembre; i capolinea sono davanti alla Stazione Dora e alla Stazione di Porta Susa. Il tempo di percorrenza calcolato da GTT è di circa 15 minuti; gli orari dei bus sono regolati in base all'arrivo e alla partenza dei treni da e per l'aeroporto (questo il link per l'orario della SFM-A); la prima corsa sarà alle ore 6.20 dalla stazione di Porta Susa e alle 7.13 dalla stazione Dora, mentre l'ultima corsa partirà da Porta Susa alle ore 19.20 e da Dora alle 20.13.

La cosa ottima
è che la nuova linea può essere utilizzata con normali biglietti e abbonamenti e anche con il biglietto integrato B di GTT, che viene utilizzato sui treni per Caselle e che permette di usare sia i mezzi di trasporto cittadini che la ferrovia per 3 euro.


Commenti