Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Quando la Mole Antonelliana era in costruzione

In quel magnifico archivio fotografico dal basso che è la sezione Torino Sparita di skyscrapercity.com, si trovano anche fotografie del XIX secolo come questa.




Scattata dai tetti di Palazzo Madama, mostra chiaramente l'inclinazione di via Po rispetto al tracciato ortogonale del centro e mostra la perfezione dell'asse visuale, da Palazzo Madama fino alla Gran Madre (più su, leggermente sulla sinistra, si riconosce Villa della Regina). Probabilmente l'assenza dei fili del tram e dei binari esalta ancora di più la prospettiva.

Sulla destra, invece, la costruzione della Mole Antonelliana, arrivata alla sua base e pronta allo slancio della cupola. Un'immagine rara di Torino, probabilmente degli anni '60 dell'Ottocento (la costruzione della Mole Antonelliana è iniziata nel 1863 e nel 1869 aveva raggiunto i 70 metri di altezza), un'idea di come era guardare verso la collina, quando la Mole non c'era ancora.

PS Su Torino Sparita si passerebbero le ore!

Commenti

  1. Strano, contando le ombre proiettate dai palazzi su via Po, sembra mancare l'ultimo isolato, quello tra via delle rosine e piazza Vittorio.

    RispondiElimina
  2. mi pare che la mole sia a sinistra

    RispondiElimina

Posta un commento