Con Buonissima, tanti eventi enogastronomici con grandi chef e un'ambizione

Un nuovo appuntamento enogastronomico per valorizzare le tradizioni di Torino e inserire la passione per la buona cucina e i suoi dintorni in percorsi culturali e artistici. Buonissima , dal 27 al 31 ottobre 2021, è nato da un'idea di Matteo Baronetto, chef al ristorante Del Cambio, e dei critici enogastronomici Stefano Cavallito e Luca Iaccarino, con l'ambizioso obiettivo di fare di Torino la capitale italiana del gusto. E, per dare un'idea, nel ricco programma dei cinque giorni di cene e incontri, saranno presenti i fratelli Adrià, Ana Roš, la chef più apprezzata nella classifica dei 50 migliori ristoranti di Restaurant , gli chef italiani Mauro Uliassi, Norbert Niederkofler e Massimo Bottura, tutti con tre stelle. Il programma prevede due grandi cene evento, curate dagli chef già citati, con menù a 350 euro, una al Museo dell'Automobile e l'altra, già sold out, al Museo del Cinema; poi tredici cene nelle piole torinesi al prezzo fisso di 25 euro, con un fil

L'autunno al Parco Dora, nel 2017 della siccità

Da qualche anno, non è davvero autunno se non passo per il Parco Dora. Sì, lo so, Torino regala tanti parchi in cui ammirare la stagione dorata: il Parco del Valentino, con la riva della collina che si riflette sul Po; la stessa collina con le sue strade che portano a Superga o al Faro della Maddalena; il Parco della Pellerina, con la sua varietà di paesaggi; il Parco del Sangone, che si muove lungo il torrente, tra Torino e Nichelino. Per non parlare del Parco della Reggia di Venaria o di quello della Palazzina di Stupinigi. Sono tanti i posti in cui vedere il foliage a Torino, ma ho una predilezione per questo parco in cui i filari di alberi si fondono con quelli dei pilastri delle antiche fabbriche dell'acciaio.


Tra via Orvieto e via Borgaro, Parco Dora ha un lunghissimo viale che costeggia il fiume e che in questa stagione offre tutte le sfumature del giallo e del marrone, con un tappeto di foglie colorate per tutta la sua lunghezza. Uno dei posti più belli da fotografare e sono tanti i passanti che si fermano per scattare una foto, in una Torino che è città, è a pochi minuti dal centro cittadino, ma sembra un altro mondo, con i rumori che arrivano attutiti, gli alberi, i prati e, in lontananza, i segni della grande fabbrica che fu della Fiat e che oggi è appannaggio degli sport e degli skater.


Se si attraversa la Dora, si arriva nell'area Michelin, dove il foliage è meno evidente e dove, però, è molto chiaro il dramma che stiamo vivendo in queste settimane in Piemonte e in Italia: la siccità. La Dora è in secca, come non si vedeva da anni; io, per lo meno, non ricordo di averla vista ridotta a poco più di un rivolo, con i cani che giocano tra le pietre del suo letto. Si guarda con più attenzione la collina dell'area Michelin e non solo l'erba è gialla come capita solo a luglio, ma è anche dura e arsa, chiede acqua con tutte le sue forze. E che gli dei ci aiutino e abbiano pietà di noi: che mandino la benedetta pioggia per i campi, gli allevamenti e i prati. E anche per noi, che passeggiamo in città e sappiamo quanto l'acqua sia necessaria per la nostra sopravvivenza.


Commenti