Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

L'autunno al Parco Dora, nel 2017 della siccità

Da qualche anno, non è davvero autunno se non passo per il Parco Dora. Sì, lo so, Torino regala tanti parchi in cui ammirare la stagione dorata: il Parco del Valentino, con la riva della collina che si riflette sul Po; la stessa collina con le sue strade che portano a Superga o al Faro della Maddalena; il Parco della Pellerina, con la sua varietà di paesaggi; il Parco del Sangone, che si muove lungo il torrente, tra Torino e Nichelino. Per non parlare del Parco della Reggia di Venaria o di quello della Palazzina di Stupinigi. Sono tanti i posti in cui vedere il foliage a Torino, ma ho una predilezione per questo parco in cui i filari di alberi si fondono con quelli dei pilastri delle antiche fabbriche dell'acciaio.


Tra via Orvieto e via Borgaro, Parco Dora ha un lunghissimo viale che costeggia il fiume e che in questa stagione offre tutte le sfumature del giallo e del marrone, con un tappeto di foglie colorate per tutta la sua lunghezza. Uno dei posti più belli da fotografare e sono tanti i passanti che si fermano per scattare una foto, in una Torino che è città, è a pochi minuti dal centro cittadino, ma sembra un altro mondo, con i rumori che arrivano attutiti, gli alberi, i prati e, in lontananza, i segni della grande fabbrica che fu della Fiat e che oggi è appannaggio degli sport e degli skater.


Se si attraversa la Dora, si arriva nell'area Michelin, dove il foliage è meno evidente e dove, però, è molto chiaro il dramma che stiamo vivendo in queste settimane in Piemonte e in Italia: la siccità. La Dora è in secca, come non si vedeva da anni; io, per lo meno, non ricordo di averla vista ridotta a poco più di un rivolo, con i cani che giocano tra le pietre del suo letto. Si guarda con più attenzione la collina dell'area Michelin e non solo l'erba è gialla come capita solo a luglio, ma è anche dura e arsa, chiede acqua con tutte le sue forze. E che gli dei ci aiutino e abbiano pietà di noi: che mandino la benedetta pioggia per i campi, gli allevamenti e i prati. E anche per noi, che passeggiamo in città e sappiamo quanto l'acqua sia necessaria per la nostra sopravvivenza.


Commenti