Portici di Carta 2017: il programma della libreria più lunga del mondo

La libreria più lunga del mondo, Portici di Carta, torna il 7 e 8 ottobre 2017, con molte novità, la prima delle quali è che diventa ancora più lunga. Non solo i tradizionali portici di via Roma, piazza San Carlo e piazza Carlo Felice, ma anche quelli di via Sacchi e di via Nizza, per quasi 2,5 chilometri totali. Una bella sfida, che valorizza i portici torinesi e dà loro un bel significato culturale, anche perché il programma di eventi e incontri che accompagna Portici di Carta è come sempre ricchissimo.


L'edizione 2017 della manifestazione è dedicata a Paolo Villaggio, scomparso quest'anno e grande autore, oltre che attore, con oltre un milione e mezzo di copie vendute grazie alla saga del ragionier Ugo Fantozzi e con un'influenza sull'uso della lingua non ancora adeguatamente sottolineata. Per ricordarlo, sabato 7, all'Oratorio San Filippo (via Maria Vittoria 5), una lezione originale di Stefano Bartezzaghi, la testimonianza dei due figli, le letture fantozziane di Giuseppe Culicchia e l'intervista inedita realizzata dal regista Mario Sesti per La voce di Fantozzi, il film presentato all'ultima mostra di Venezia. Tanti gli autori presentati nel weekend, in eventi a ingresso gratuito: la vincitrice del Premio Campiello 2017 Donatella Di Pietrantonio, autrice de L'arminuta, incontra Ernesto Ferrero e Sergio Staino dialoga con Bruno Gambarotta su Io sono Bobo; poi i nuovi libri di Enrico Remmert e Luca Ragagnin, Dario Voltolini, Massimo Novelli, Enrico Pandiani; le autrici del Concorso Lingua Madre Sabina Darova e Malvina Sinani.

Gli editori ospiti sono Bollati Boringhieri e minibombo. Bollari Boringhieri festeggia quest'anno i sessant'anni e a Torino gioca in casa, con un dialogo sulle migrazioni fra l'antropologo Marco Aime e il filosofo Giulio Giorello, con l'anteprima del nuovo spettacolo della fisica-giornalista Gabriella Greison sulle donne scienziate della fisica del Novecento e con una mostra dei suoi titoli più rappresentativi nelle vetrine di via Roma e piazza San Carlo. Minibombo è nata nel 2013, è specializzata in libri per l'infanzia e ha pubblicato 26 titoli tradotti in varie lingue, cinese compreso; nello Spazio Bambini, in piazza San Carlo, la casa editrice proprorrà letture, animazioni, spettacoli. In questo stesso spazio, le Biblioteche Civiche Torinesi, Iter - Istituzione Torinese per una educazione responsabile, Dipartimento educazione del Castello di Rivoli – Museo di Arte Contemporanea e il Premio nazionale Nati per leggere curano un programma di animazione e avvicinamento alla lettura studiato appositamente per i più piccoli.

Con Portici di Carta tornano anche le Passeggiate letterarie: l'8 ottobre 2017, con partenza alle ore 10 (a eccezione di Quattro passi nel noir, sabato 7 alle ore 19), si potrà così ripercorrere la Torino dei grandi autori, da Edmondo De Amicis a Natalia Ginzburg, delle grandi case editrici, con un occhio speciale a Bollati Boringhieri; novità imperdibili, la Passeggiata che ricorda Gigi Meroni, la farfalla granata, quella che segue le Pietre d'Inciampo e quella che ripercorre le strade della Torino noir. Le passeggiate sono gratuite, ma con prenotazione obbligatoria all'email passeggiate@salonelibro.it.

E poi ci sono loro, i protagonisti di Portici di Carta, senza i quali sarebbe difficile scoprire le chicche da leggere e grazie ai quali abbiamo sempre le novità più interessanti: saranno 128 i librai di Torino e provincia, dei quali 21 si presenteranno per la prima volta; saranno suddivisi in grandi aree tematiche sotto i portici torinesi.

Gli spazi eventi previsti sono quattro: l'Oratorio di San Filippo (via Maria Vittoria, 5), lo Spazio Bambini di piazza San Carlo, il Gazebo Sambuy di piazza Carlo Felice, lo Spazio Lux-Fiorfood di Galleria San Federico. Portici di Carta è un progetto del Salone Internazionale del Libro, promosso da Città di Torino e Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, realizzato con il sostegno di Regione Piemonte, Fondazione CRT e Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Torino. Tutte le info sul sito web www.porticidicarta.it.


Commenti