Cosa fare a novembre 2017 a Torino: Artissima e dintorni, mercatini, cene, letteratura...

Da qualche anno, novembre è il mese dell'arte contemporanea: lo apre Luci d'Artista, alla fine di ottobre, lo esalta la Settimana delle Arti Contemporanee, che gira intorno ad Artissima (quest'anno dal 3 al 5 novembre); c'è un post apposito in cui cerco di fare una sintesi di tutti gli eventi dell'arte contemporanea, tra fiere e mostre, in location sorprendenti come le OGR, che da adesso iniziano a fare sul serio, con la mostra Come una falena alla fiamma, o l'ex Caserma La Marmora.

Novembre è ancora tempo di Giorni Selvaggi, la bella iniziativa del Circolo dei Lettori e del Salone Internazionale del Libro, che per tutto l'autunno porta in città alcuni dei nomi più importanti della letteratura internazionale. Gli appuntamenti sono il 2 novembre alle ore 18 con Naomi Klein e il suo Shock politics. L'incubo Trump e il futuro della democrazia, nell'Aula Magna della Cavallerizza Reale, in via Verdi 9; l'8 novembre alle ore 19 Tom Drury sarà alla Scuola Holden, in piazza Borgo Dora 9, con Elena Varvello per presentare A caccia di sogni; il 20 novembre, alle ore 18, al Circolo dei Lettori, in via Bogino 9, Geoff Dyer converserà con Gianluigi Ricuperati su Sabbie bianche, il suo ultimo libro; il 28 novembre, alle ore 18, alle OGR, in corso Castelfidardo 22, Andrew O'Hagan presenterà La vita segreta. Tre storie vere dell'era digitale, in dialogo con Francesco Guglieri. Tutti gli incontri sono gratuiti ma con prenotazione obbligatoria a off365@salonelibro.it, tranne quello al Circolo dei Lettori, il 20 novembre, che è a ingresso libero fino a esaurimento dei posti.

Non mi stanco mai di segnalare, tutti i mesi, il San Salvario Emporium, perché gli sono affezionata, perché l'ho visto crescere, perché è bello che ci sia uno spazio per i creativi, siano artigiani, designer o editori indipendenti: il 5 novembre, in piazza Madama Cristina, dalle ore 11 alle 20, l'Emporium, con i suoi stand, con i suoi laboratori, il suo angolo della musica e dello street food (e attenzione anche ai progetti di street art, che verranno realizzati durante il mercatino, al tour dello street food organizzato con i locali di San Salvario, per cui dopo 3 tapas consumate in tre locali differenti e aver annullato l'apposita tessera si avrà diritto a un bicchiere della cantina di Torino DOC, progetto di promozione dei vini doc e docg della Provincia di Torino a prezzo speciale). Il programma completo dell'Emporium è su www.sansalvarioemporium.com.

Tra i tour da non perdere, il Ciocco Tour di Turin Tour, che l'11 novembre dalle ore 21, porterà a passeggio per Torino alla scoperta di cioccolatini e dolcetti a base di cioccolato, delle loro ricette e delle curiosità che li riguardano. L'itinerario dura due ore, non sono previsti ingressi in musei/locali, la tariffa è di 8 euro per gli adulti e 7 per gli under10; prenotazione obbligatoria all'email info@turin-tour.com o al tel 3489904275.

Theatrum Sabaudiae propone, oltre alle tradizionali visite guidate nei Musei della Fondazione Torino Musei (Palazzo Madama, MAO, GAM, Borgo Medievale), anche due corsi da 4 lezioni l'uno per 59,90 euro (singola lezione 20 euro): dall'8 al 29 novembre alle ore 20, con cadenza settimanale, Giappone tra mito e realtà illustrerà "alcuni aspetti distintivi della cultura giapponese con approfondimenti tematici sull'immaginario mitologico, la tradizione religiosa, le peculiarità estetiche e argomenti di carattere storico-sociale con uno sguardo alla loro evoluzione nella società contemporanea"; dal 9 al 30 novembre, dalle ore 20 alle 22, con cadenza settimanale, La moda e le mode in Italia dal Quattro al Novecento costruirà un percorso di cinque secoli, per ricordarci che l'abbigliamento non è solo una questione "frivola", ma è anche "il primo e il più immediato 'biglietto da visita' che offriamo agli altri. Attraverso ciò che indossiamo (o non possiamo indossare) indichiamo il nostro status sociale, spesso la nostra professione o semplicemente, mediante un anello, se si è sposati o no. Un ruolo talmente importante che sino alla Rivoluzione francese era la legge a definire chi si poteva mettere cosa. Attraverso l'analisi di abiti, tessuti e dipinti si precorrerà la storia della moda maschile e femminile dal XV al XX secolo". Le lezioni si terranno nella sede di Theatrum Sabaudiae, in via San Domenico 28, aula audiovisivi del Museo della Sindone. Info e iscrizioni su www.arteintorino.com

Da Prochet, in via Pietro Micca 6, si pensa già al Natale e, organizzato l'allestimento in vista dei regali di Natale, dal 9 all'11 novembre, si offrirà ai visitatori il Pane Ricordi, realizzato con un'intera filiera certificata biologica, dal camo al forno. "Pane Ricordi è memoria, è l'antica maniera del pane piemontese" spiega Rosanna, la titolare dello storico negozio di porcellane. Una bella occasione per conoscere le novità preparate in vista dei regali natalizi e un'antica tradizione piemontese.

Ad Andezeno, sulla collina torinese, l'11 e 12 novembre, dalle ore 10 alle 19, le Cantine Balbiano aprono le porte per degustazioni, amicizia e sincera convivialità; saranno aperti il Museo Balbiano, che racconta le tradizioni contadine e la passione per i giocattoli del suo fondatore, Francesco Balbiano, e la Villa Balbiano, che ospita anche la grande cena della Bagna Caoda, l'11 novembre alle ore 21. Il menù è curato da Renzo Stocco dell'Emporio Enogastronomico, costa 38 euro a persona e comprende: Selezione speciale di salumi Monte Penice e pani del panificio Farina nel Sacco, Bagna Caoda classica, Bagna Caoda 'falsa': salsa di acciughe al finocchio, Trionfo di verdure cotte e crude, Uovo di quaglia 'al fujot', Consommè con Pasta Reale, Bunèt e Freisa di Chieri Spumante Dolce, Caffè e Grappa di Freisa di Chieri; la cena sarà accompagnata da “Primiera” Novello 2016; info e prenotazioni (entro il 9 novembre 2017): Cantine Balbiano, tel 011 9434044, email info@balbiano.com.


Commenti