Tre visite tematiche a Villa della Regina

Tre visite tematiche a Villa della Regina con Federico Fontana, direttore dei lavori di restauro che hanno riportato a nuova vita questa residenza sabauda adagiata sulla collina e con vista invidiabile su Torino. Un'occasione speciale per scoprire come sono stati valorizzati non solo l'edificio, ma anche il parco, i giardini, la vigna, i padiglioni barocchi. L'architetto Fontana, spiega il comunicato stampa, "conduce i visitatori alla scoperta dei giardini e del parco focalizzando l’attenzione sugli aspetti peculiari dell'intero complesso: la composizione e il significato simbolico del Teatro delle acque, che si sviluppa dallo spazio semicircolare del Cortile d'onore, o Esedra, fino al Belvedere Superiore; la destinazione agricola di parte del parco della Villa, analizzandone gli usi originari e attuali attraverso curiosità storiche e botaniche; le trasformazioni del complesso avvenute nel corso dell'Ottocento, dopo l'occupazione francese, per arriva

Tre preziosi arazzi fiamminghi alla Reggia di Venaria Reale

La Reggia di Venaria Reale ha aggiunto al suo percorso espositivo tre magnifici arazzi fiamminghi, che si aggiungono a quelli già presenti nelle sale adiacenti alla Sala di Diana. Le tre opere, realizzate dalla Manifattura Frans Raes di Bruxelles intorno alla metà del XVII secolo, appartengono alla Fondazione Martini&Rossi, che li ha ceduti in comodato al Consorzio delle Residenze Reali Sabaude. Collocati nella Sala delle Cacce Acquatiche, davanti ai giardini della Reggia, ricordano il sontuoso arredamento delle antiche Residenze Reali, non solo sabaude.


Sono tutti arazzi a tema venatorio, dunque hanno trovato nella Venaria Reale (che dalla caccia prende anche il nome) la propria dimora ideale. Le scene ritraggono una caccia al lupo, una caccia al cervo e una caccia al leopardo, tutti con un realismo sorprendente e un certo gusto per l'esotico (in uno degli arazzi i cacciatori hanno abbigliamento che ricorda la corte turca, più che quelle occidentali).


Prima di essere esposti alla Reggia di Venaria Reale, i tre arazzi sono stati restaurati dal laboratorio Tessili Antichi di Viterbo. Le principali criticità erano legate alla presenza della polvere, alla tenuta della trama della tessitura e, a livello più estetico, dai colori sbiaditi, che poco assomigliavano agli originali. Oltre a riparare i danni del tempo, il restauro ha provvisto gli arazzi di supporti posteriori, affinché non soffrano le tensioni dovute alla sospensione.


Commenti