Cosa fare a Torino ad agosto 2021

Un aperitivo a bordo di un bus scoperto che percorre le vie del centro, una visita ad appartamenti reali e a padiglioni generalmente chiusi al pubblico, un concerto in spazi suggestivi. Torino non chiude più per ferie da un pezzo e qui trovate tante cose da fare ad agosto in città. Iniziamo dai Musei (che non sembra vero di averli di nuovo aperti, con mostre, nuovi percorsi, eventi culturali e visite speciali!). Se non siete torinesi, approfittate dell'offerta del Museo Egizio (via Accademia delle Scienze 6): chi arriva con i treni regionali può usufruire di biglietti ridotti sia sul biglietto singolo (12 euro invece di 15) e sul Family Ticket (2 adulti e 2 minori 28 euro invece di 30). È sufficiente essere in possesso di un biglietto o abbonamento regionale, sovraregionale o integrato Formula (per la riduzione sul Family Ticket almeno un membro della famiglia), valido da o per Torino, anche nei tre giorni precedenti o successivi alla data del viaggio. Il biglietto va conservat

Le città del futuro: gli architetti a confronto sui nuovi modelli dell'abitare

Nella Torino che sta ripensando il proprio futuro, con una revisione del Piano Regolatore, arriva il contributo del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, con gli Ordini degli Architetti di Piemonte e Valle d'Aosta.

Le città del futuro
è il titolo di una serie di incontri che si terranno il 9 febbraio 2018, alle OGR di Torino, in corso Castelfidardo 22, per discutere di rigenerazione urbana e modelli futuri dell'abitare, delle città e dei territori. Un argomento importante e cruciale per questa stagione torinese, ma anche per gli architetti, che si stanno preparando al loro Congresso Nazionale, a Roma a luglio 2018. "A partire dalla presentazione dell'esperienza di quattro città europee Amburgo, Londra, Lubiana e Parigi e da una riflessione su come stanno cambiando le città europee, nel corso dell'incontro saranno esposti i dati di una ricerca commissionata dal Consiglio Nazionale degli Architetti al Cresme, che si concentrerà sulla situazione dei contesti urbani in Piemonte e Valle d'Aosta" anticipa il comunicato stampa.

A raccontare le esperienze di rigenerazione del Piemonte e della Valle d'Aosta ci saranno l'Assessore all'Urbanistica e vicesindaco di Torino Guido Montanari, che spiegherà "i progetti e alle visioni per il futuro della città", il sindaco di Vercelli Maura Forte, "che analizzerà il percorso di rigenerazione delle aree attigue alla ferrovia", l'architetto Claudio Bonicco, che illustrerà "il percorso che ha portato, a partire dall'esperienza di Europan 14, alla costruzione dell'Urban Center del territorio cuneese, mentre l'architetto Giuseppe Blengini descriverà il progetto del Palazzo dell'Edilizia di Alessandria. Infine, l'intervento del presidente dell'Aosta Future Camp, Alessandro Cavaliere, per presentare una modalità di riflessione sul futuro della città che si svolgerà a marzo in occasione del primo Hackaton in Valle d'Aosta". In programma anche interventi sul social housing, uno dei modelli dell'abitare del futuro, e sul riuso del patrimonio industriale. A poche settimane dalle elezioni del 4 marzo, non mancherà un confronto con i politici: Stefano Esposito (PD), Marco Grimaldi (LeU), Roberto Rosso (NcI-UDC), Alberto Sasso (M5S) e Diego Sozzani (FI), moderati dall'architetto Nicola Di Battista, dibatteranno su Le città del futuro.

Il programma di Le città del futuro, il 9 aprile 2018 alle OGR, è il seguente:

ore 9.00
Registrazione partecipanti
ore 9.30
Saluti istituzionali
Massimo Giuntoli, presidente Ordine Architetti Torino
Fulvio Gianaria, presidente OGR CRT
Chiara Appendino, Sindaco Città metropolitana di Torino
Marco Gilli, Rettore Politecnico di Torino
Luciano Bonetti, presidente Federazione interregionale degli Architetti PPC Piemonte e Valle d'Aosta

ore10.00
Obiettivi del Congresso
Giuseppe Cappochin, presidente CNAPPC
ore 10.10
Declinazione regionale degli obiettivi del Congresso
Sergio Togni, presidente Ordine Architetti Valle d'Aosta, membro Ufficio di Presidenza della Conferenza Nazionale degli Ordini degli Architetti d’Italia
ore 10.20
Intervento
Marco Aimetti, Consigliere CNAPPC di riferimento
ore 10.30
Video che illustra come stanno cambiando 4 città europee (Amburgo, Londra, Lubiana, Parigi)
ore 10.35
Come cambiano le città europee. Cosa sta succedendo in Italia e in Piemonte e Valle d'Aosta
Lorenzo Bellicini, direttore CRESME
ore 10.50
Opportunità, problemi, tecnologie
I progetti del futuro di Torino, Guido Montanari, vicesindaco Città di Torino
Rigenerazione urbana a Vercelli delle aree attigue alla ferrovia, Maura Forte, Sindaco Comune di Vercelli
Rigenerazione urbana e cultura del progetto: dall'esperienza di Europan 14 alla costruzione dell'Urban Center del territorio cuneese, Claudio Bonicco, architetto
Il Palazzo dell'Edilizia di Alessandria, Giuseppe Blengini, architetto
Idee per Aosta del futuro, Alessandro Cavaliere, presidente Aosta future Camp
Housing sociale regionale. Politica degli interventi: proposte e progettazione, Augusto Ferrari, assessore alle politiche sociali, della famiglia e della casa Regione Piemonte
Il ruolo del patrimonio industriale nella rigenerazione urbana biellese, Manuel Ramello, vicepresidente AIPAI - Associazione italiana patrimonio archeologico industriale
Stop al consumo di suolo: verso una legge nazionale, Fabrizio Aimar, architetto divulgatore scientifico
ore 12
Tavola rotonda con i candidati alle elezioni politiche
Tema: Il ruolo della rigenerazione urbana. Obiettivi, politiche, risorse.
Partecipano: Stefano Esposito (PD), Marco Grimaldi (LeU), Alberto Sasso (M5S), Diego Sozzani (FI)
ore 13
Sintesi dei lavori
Massimo Giuntoli, presidente Ordine Architetti Torino


Commenti