I Voucher Vacanze del Piemonte, dormi 3 paghi una notte, fino alla primavera 2022

Dato il successo dell'iniziativa e tutte le volte che la Regione Piemonte l'ha prolungata, chissà che non sia un nuovo modello per il turismo, in attesa di un ritorno alla normalità, si spera per il 2022. Tornano i Voucher Vacanze della Regione Piemonte, grazie ai quali si dormono 3 notti e se ne paga solo una nelle strutture aderenti (alberghi, residence, B&B, agriturismi, affittacamere, ecc ecc) e si pagano i servizi turistici a metà prezzo. I voucher possono essere prenotati entro il 31 dicembre 2021 e utilizzati entro il 30 giugno 2022. Il loro funzionamento è semplice, ma cambia in base alle ATL sotto le quali si trova la località prescelta: se volete soggiornare nelle Langhe, dovete controllare quali sono i passi da seguire per prenotare i voucher nelle Langhe, idem se pensate alle dolci colline del Canavese, alle valli alpine del Cuneese, ai laghi del Piemonte settentrionale. Per identificare le ATL, c'è www.visitpiemonte.com , che ha l'elenco dei Consorzi

La Stazione di Porta Nuova com'era: la facciata monumentale, la galleria di ferro

La costruzione della stazione ferroviaria di Porta Nuova, nella seconda metà del XIX secolo, cambiò l'immagine di Torino in quell'area. Privata delle sue mura e dello sfondo scenografico della Porta, a concludere via Roma, l'edificio della nuova stazione dava finalmente una giusta conclusione all'asse visuale che partiva (e parte ancora) da piazza Castello. Guardate la foto aerea della vecchia via Roma e guardate come risaltava l'arcone centrale della facciata di Porta Nuova, come risultava imponente e monumentale rispetto agli edifici intorno. Un effetto scenografico che si è un po' perso, con la costruzione della nuova via Roma, con edifici più alti e di una certa monumentalità razionalista, ma che sono ancora leggibili da piazza Carlo Felice, dove la facciata di Porta Nuova appare con tutta la sua forza e la sua eleganza ottocentesche (si può dire che è una delle più belle stazioni italiane costruite nel XIX secolo?).

Porta Nuova com'era Porta Nuova com'era

Anche all'interno, Porta Nuova non è più leggibile così come era stata progettata, ovvero come un edificio simmetrico, composto da due maniche parallele unite da una grande galleria in ferro, che continuava idealmente verso i binari il grande arcone centrale della facciata. Vedere le fotografie di come era Porta Nuova, con questa grande copertura a volta, un'intuizione di architetture quasi contemporanea, fa pensare inevitabilmente a stazioni più recenti, che hanno una composizione simile nella distribuzione dei percorsi. E poi c'è proprio la bellezza estetica di questa galleria di ferro, che esalta anche i disegni e la luce della vetrata della facciata su piazza Carlo Felice, il fascino delle banchine con le coperture rifinite in ferro battuto, i binari all'altezza delle banchine. Ogni tanto è bello ricordare cosa abbiamo perso, affinché non se ne perda la memoria.


Commenti

  1. La memoria mi sa che si è persa, visto che a molti piace...a me così com'è fa schifo........

    RispondiElimina

Posta un commento