Cosa fare a Torino ad agosto 2021

Un aperitivo a bordo di un bus scoperto che percorre le vie del centro, una visita ad appartamenti reali e a padiglioni generalmente chiusi al pubblico, un concerto in spazi suggestivi. Torino non chiude più per ferie da un pezzo e qui trovate tante cose da fare ad agosto in città. Iniziamo dai Musei (che non sembra vero di averli di nuovo aperti, con mostre, nuovi percorsi, eventi culturali e visite speciali!). Se non siete torinesi, approfittate dell'offerta del Museo Egizio (via Accademia delle Scienze 6): chi arriva con i treni regionali può usufruire di biglietti ridotti sia sul biglietto singolo (12 euro invece di 15) e sul Family Ticket (2 adulti e 2 minori 28 euro invece di 30). È sufficiente essere in possesso di un biglietto o abbonamento regionale, sovraregionale o integrato Formula (per la riduzione sul Family Ticket almeno un membro della famiglia), valido da o per Torino, anche nei tre giorni precedenti o successivi alla data del viaggio. Il biglietto va conservat

100%Italia, al Museo Ettore Fico la scoperta del Novecento italiano

Il Museo Ettore Fico è motore di una serie di mostre, che intendono valorizzare l'arte italiana dell'ultimo secolo. 100%Italia è il titolo, che spiega il programma e che rivendica il ruolo del nostro Paese nella storia dell'arte contemporanea: pochi Paesi hanno saputo influenzare in modo così profondo la creatività europea e quella mondiale. Per spiegarlo e ribadirlo, diverse mostre, tra lo stesso Museo Fico, il MEF Outside (via Juvarra 13), Palazzo Barolo (via Corte d'Appello 20/C) e il Mastio della Cittadella (via Cernaia 1). Il progetto non si limita però al capoluogo e coinvolge anche Biella e Vercelli: la prima a Palazzo Gromo Losa (corso del Piazzo 22-24) propone il Futurismo e al Museo del Territorio (via Quintino Sella 54/b) il Secondo Futurismo; a Vercelli, nella sede di Arca (piazza San Marco 1), Metafisica, Realismo Magico, NeoMetafisica. Per darvi un'idea della grandiosità dell'operazione: il catalogo pesa 4,2 kg, che Andrea Busto, direttore del MEF e ideatore di 100%Italia definisce "di cultura". La maggior parte delle opere presenti in catalogo appartiene a collezioni private ed è esposta per la prima volta in pubblico.

100%Italia 100%Italia

Ho visitato la mostra del MEF (visiterò anche le altre torinesi), dedicata a Novecento, Corrente, Astrazione e Informale, ovvero alcuni dei grandi movimenti che hanno attraversato la scena artistica italiana, influenzando profondamente anche il nostro immaginario. Che si tratti di movimenti nati intorno a una rivista, a figure di riferimento o come eredità e influenza delle visioni precedenti, costruiscono un filo logico e la mostra li organizza in modo da permettere di ritrovarlo anche al visitatore meno consapevole dell'arte contemporanea. Il discorso cronologico, che accompagna la divisione per sezioni, è infatti un bel modo di aiutare chi non ha grandi idee di arte contemporanea. Quando, al piano superiore del Museo si arriva a visitare Astrazione e Informale, che riportano i temi più legati alle espressioni più libere e più sperimentali, ci si sente anche più preparati. E c'è maggiore curiosità per visitare la mostra sulla Pop Art al MEF Outside, su Optical, Minimalismo, Arte Povera e Concettuale al Mastio della Cittadella e Transavanguardia, Nuova Figurazione, Internazionalità a Palazzo Barolo.

100%Italia 100%Italia

100%Italia sarà al Museo Ettore Fico, in via Cigna 114, fino al 10 febbraio 2018; l'orario di apertura è mercoledì-domenica ore 11-19, chiuso lunedì e martedì. Il biglietto costa 10 euro, ridotto 8 euro (6-12 anni, over 65), gratuito per under6, MEF Friends, Abbonamento Musei Torino Piemonte, Torino+Piemonte Card, tessera MACT/CACT Arte Contemporanea Ticino, Torino+Piemonte Contemporary Card; il biglietto cumulativo MEF+MEF Outside costa 15 euro. Tutte le info su www.museofico.it.


Commenti