I Voucher Vacanze del Piemonte, dormi 3 paghi una notte, fino alla primavera 2022

Dato il successo dell'iniziativa e tutte le volte che la Regione Piemonte l'ha prolungata, chissà che non sia un nuovo modello per il turismo, in attesa di un ritorno alla normalità, si spera per il 2022. Tornano i Voucher Vacanze della Regione Piemonte, grazie ai quali si dormono 3 notti e se ne paga solo una nelle strutture aderenti (alberghi, residence, B&B, agriturismi, affittacamere, ecc ecc) e si pagano i servizi turistici a metà prezzo. I voucher possono essere prenotati entro il 31 dicembre 2021 e utilizzati entro il 30 giugno 2022. Il loro funzionamento è semplice, ma cambia in base alle ATL sotto le quali si trova la località prescelta: se volete soggiornare nelle Langhe, dovete controllare quali sono i passi da seguire per prenotare i voucher nelle Langhe, idem se pensate alle dolci colline del Canavese, alle valli alpine del Cuneese, ai laghi del Piemonte settentrionale. Per identificare le ATL, c'è www.visitpiemonte.com , che ha l'elenco dei Consorzi

Cultivons notre jardin: due incontri sulla città come luogo (anche) della natura

Cultivons notre jardin è un ciclo di incontri promossi dall'Institut Français Italia e dall'Urban Center Metropolitano di Torino e dedicati al rapporto tra la natura e la città: si parla di agricoltura urbana, disegno urbano e del paesaggio, rigenerazione urbana. Gli appuntamenti di novembre sono due: l'8 novembre, al PAV Parco Arte Vivente, in via Giordano Bruno 31, si parlerà di Progetto del paesaggio e nuove identità dei territori urbani; il 22 novembre, all'Urban Center Metropolitano, in via Palazzo di Città 8f, l'argomento sarà Natura Citata.


Nel primo appuntamento, intitolato Progetto del paesaggio e nuove identità dei territori urbani, l'8 novembre alle ore 17, Cristina Bianchetti, docente di Urbanistica del Politecnico di Torino, e Pierre Donadieu, professore emerito di Scienza del Paesaggio dell'École nationale supérieure de paysage di Versailles-Marsiglia, raccontano il territorio contemporaneo, il rapporto tra progetto urbanistico e le nuove identità paesaggistiche, partendo dai loro diversi punti di vista professionali. Alle ore 17 ci sarà una visita guidata al PAV, per scoprire la sua identità di Centro sperimentale d'arte contemporanea; alle ore 18, l'incontro con i due conferenzieri.

Il 22 novembre, alle ore 18, Natura citata, a cura della rivista semestrale dell'Università di Torino Philosophy Kitchen, considera la città come luogo di progettazione e composizione dell'immaginario collettivo; il rapporto tra natura e città viene analizzato da tre diversi punti di vista: la dimensione antropologica, la definizione dell’immaginario collettivo, le strategie di gestione effettiva del territorio urbano. Protagonisti dell'incontro, Roberto Masiero, docente di Storia dell'Architettura nell'Istituto Universitario di Architettura di Venezia; Giovanni Leghissa, docente di Epistemologia delle Scienze umane all'Università degli Studi di Torino; Ermanno Torre, progettista dello Studio Tema, Veronica Cavedagna, filosofa; modera gli interventi Nicolas Lozito, photo-editor de La Stampa.

Entrambi gli incontri sono gratuiti e a ingresso libero.


Commenti