Fondazione CRT ha vinto i Corporate Art Awards per le OGR

I Corporate Art Awards sono premi interessanti, di cui non ero a conoscenza, prima di ricevere un comunicato stampa della Fondazione CRT, qualche giorno fa. Sono promossi dalla società italiana PptArt, con sede nel Molise, per valorizzare il mecenatismo istituzionale, aziendale e privato a livello internazionale; intendono riconoscere, insomma, l'impegno sociale di un'azienda e questa è una gran bella idea. Tre le edizioni realizzate finora, dal 2016 al 2018, che hanno coinvolto più di 300 aziende attive in 32 Paesi nei 5 continenti. I premi vengono consegnati ai vincitori a Bruxelles, al Parlamento europeo.

OGR - Officine Grandi Riparazioni OGR - Officine Grandi Riparazioni

E arriviamo così al comunicato stampa: nei giorni scorsi, la Fondazione CRT ha vinto il Premio Mecenati del XXI secolo grazie alla riqualificazione delle OGR – Officine Grandi Riparazioni. La motivazione del premio non riconosce solo lo sforzo finanziario della riqualificazione, ma tutto quello che l'ha seguito: "Per aver dato una seconda vita alle Officine Grandi Riparazioni, trasformando un capolavoro architettonico abbandonato in una culla di creatività e innovazione". Ed è effettivamente questa la ragione per cui il lavoro di Fondazione CRT è encomiabile: non tanto la riqualificazione architettonica, splendida, chi legge Rotta su Torino sa quanto la apprezzi, quanto la trasformazione delle OGR in un centro culturale oggi irrinunciabile a Torino.

Guardate i grandi eventi torinesi, che contano sulla rete sul territorio: che sia il Salone del Libro o Artissima, che sia un concerto o un reading, le OGR ci sono sempre. Nelle sue sale, che hanno mantenuto intatto il fascino dei grandi spazi, non solo le mostre d'arte contemporanea alle Officine Nord, non solo Snodo, il ristorante che invita a scoprire il territorio o Transnatural Shop, lo shop più colorato che c'è, firmato dal catalano Martí Guixé, ma anche il rapporto vero e reale con Torino, attraverso la musica, la lettura, la contaminazione dei generi, la curiosità per quanto si muove all'estero e in Italia, che è forse il regalo più bello delle nuove OGR alla loro città.

Il Premio alla Fondazione CRT è reso ancora più prestigioso dalla lista dei partecipanti: American Express, Assicurazioni Generali, le Banche Centrali dell'Ecuador e dell'Argentina, BIC, BMW, Bulgari, Deutsche Telekom, FIAT, Fundación MAPFRE, Google Arts & Culture, La Caixa, Lego... se visitate la pagina dei partecipanti vi sorprendete per tutti i nomi importanti che hanno preso parte ai Corporate Art Awards 2018 (e, se come me avete poche idee sull'argomento, vi sorprendete anche dello stretto rapporto tra tante grandi aziende e arte, un mecenatismo del XXI secolo tutto da scoprire e da approfondire).


Commenti