Torino è stata fondata il 30 gennaio: la conferenza a Palazzo Madama

Dovendo immaginare il segno zodiacale di Torino, ho sempre pensato fosse una città d'Aria, in particolare dell'Acquario: mai uguale a se stessa, sempre protesa verso il futuro, sempre pronta a sperimentare, di tendenze laiche e progressiste... una vera Acquario! Ma di tante città romane è difficile stabilire la data di nascita, a parte la Caput Mundi, fondata da Romolo il 21 aprile del 753 a.C. (chi se ne frega se è solo una leggenda, è bello che una città europea abbia una data in cui riconoscersi e sentire l'orgoglio della propria identità). Fino a poco tempo fa non si immaginava neanche la data di fondazione di Torino. Poi archeologia e astronomia si sono unite nella ricerca. E il risultato sarà spiegato e raccontato a Palazzo Madama, il 26 gennaio 2019 alle ore 11, nella conferenza Il cielo sopra Augusta Taurinorum. Archeologia e astronomia definiscono la data di nascita di Torino.

Porta Palatina Porta Palatina
La Porta Palatina (con Giulio Cesare) a sin e via Garibaldi, antico decumano a des

Come hanno fatto archeologi e astronomi, a stabilire una data di fondazione per Augusta Taurinorum? "La ricerca multidisciplinare ha preso il via dalla rilettura delle fonti storico-archeologiche, dallo studio della gromatica etrusco-latina, per mezzo di una serie di rilevazioni sull'orientamento del decumano della città (l'attuale via Garibaldi) e da un’indagine d'archivio sui vecchi ritrovamenti archeologici. Si è quindi provveduto a ricostruire il cielo antico nel periodo augusteo, tenendo in considerazione il moto apparente di un Sole Vero, i possibili errori di misura, la rifrazione atmosferica e l'elevazione della collina, facendo uso della data giuliana in uso in astronomia e di un programma numerico elaborato ad hoc per definire le coincidenze calendariali tra l’azimut dell'asse viario principale e il corso del sole" spiega il comunicato stampa della conferenza.

La sorpresa è che tutte queste analisi hanno permesso di stabilire sia l'anno che il giorno della fondazione: il 30 gennaio del 9 a.C.. Tra pochi giorni, dunque, Torino compirà 2028 anni, continuando a essere città decisiva tra l'Italia e le Gallie, tra la grande pianura che dà accesso all'Italia e le Alpi, che la sorvegliano. Per capire meglio quali studi astronomici e quali rituali di origine etrusca si applicavano per fondare la città, c'è un bell'articolo di Amelia Carolina Sparavigna del Politecnico di Torino, la prima a proporre due date, in base al momento in cui il sole sorgente a est è perfettamente in asse con il decumano, ovvero via Garibaldi, secondo quanto stabilito dai rituali etruschi: il 10 novembre e il 30 gennaio. Il 26 gennaio sarà interessante, a Palazzo Madama, scoprire tutte le ragioni per cui Torino è nata in una giornata d'inverno del 9 avanti Cristo.

E poi c'è una nota privata e a suo modo emozionante: Torino e io condividiamo il giorno del compleanno. Chissà che questa data presunta e con un margine di errore di pochi giorni, secondo gli esperti, non possa essere adottata davvero e diventare una festa di compleanno. Magari, come a Roma il 21 aprile, il 30 gennaio, Natale di Torino, potrebbero esserci i Musei cittadini gratuiti e qualche iniziativa culturale che inviti torinesi e turisti a scoprire la città, nel giorno del suo compleanno.


Commenti