Tre visite tematiche a Villa della Regina

Tre visite tematiche a Villa della Regina con Federico Fontana, direttore dei lavori di restauro che hanno riportato a nuova vita questa residenza sabauda adagiata sulla collina e con vista invidiabile su Torino. Un'occasione speciale per scoprire come sono stati valorizzati non solo l'edificio, ma anche il parco, i giardini, la vigna, i padiglioni barocchi. L'architetto Fontana, spiega il comunicato stampa, "conduce i visitatori alla scoperta dei giardini e del parco focalizzando l’attenzione sugli aspetti peculiari dell'intero complesso: la composizione e il significato simbolico del Teatro delle acque, che si sviluppa dallo spazio semicircolare del Cortile d'onore, o Esedra, fino al Belvedere Superiore; la destinazione agricola di parte del parco della Villa, analizzandone gli usi originari e attuali attraverso curiosità storiche e botaniche; le trasformazioni del complesso avvenute nel corso dell'Ottocento, dopo l'occupazione francese, per arriva

Atmosfere di via Pietro Micca, 100 anni fa

Via Pietro Micca com'era, pochi decenni dopo la sua costruzione. Le vie del centro di Torino sono quasi sempre riconoscibili nelle foto d'epoca: pochi i cambiamenti, per lo più imposti dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, poche le demolizioni avvenute nella seconda metà del Novecento, spesso per speculazione edilizia. Foto di via Po, di via Garibaldi o di via Pietro Micca permettono di leggere facilmente il luogo.

via Pietro Micca com'era via Pietro Micca com'è

Come questa, in alto a sinistra, scattata in via Pietro Micca poco oltre piazza Solferino, guardando verso piazza Castello. Si riconosce l'architettura eclettica dell'Ottocento, colorata a mano, sono diverse le atmosfere. C'è ancora la Spin-A, il bel palazzo ottocentesco che separa via Pietro Micca da via Santa Teresa, oggi sostituito dal grattacielo di piazza Solferino, una vera ferita nell'immagine architettonica dell'area; i portici sono coperti dai grandi tendoni dei dehors, ormai scomparsi (grandi tende a riparare dal sole anche sull'altro lato della via). I marciapiedi sono praticamente inesistenti, come in fondo le auto. Non mancavano i tram, del resto abbiamo visto su Rotta su Torino che nel centro cittadino passavano ben 18 linee tramviarie. Agili, veloci ed eleganti portavano da un lato all'altro della città, erano un luogo di incontro di classi sociali diverse ed erano armoniosamente inseriti nei volumi di quella Torino. Curiosamente, auto, biciclette e carretti andavano sulla sinistra, come in Gran Bretagna, e non sulla destra. Misteri da scoprire, nella Torino che fu.


Commenti