La Manica della Fondazione Collegio Universitario Einaudi, colorato e accogliente

Un edificio degli anni '50, in corso Lione, trasformato in La Manica, un collegio universitario da 41 posti, a pochi passi dal Politecnico e a poca distanza dalle fermate dei bus che conducono verso le diversi sedi universitarie sparse in città. È la bella operazione appena completata dalla Fondazione Collegio Universitario Einaudi, che, spiega nel comunicato stampa, "è impegnata nel rinnovamento di tutte e cinque le proprie residenze e nel recupero di immobili di proprietà fino ad oggi adibiti ad altri usi, con l'obiettivo da una parte di adeguarle a esigenze e standard della vita contemporanea, dall'altra di ampliare il numero di posti di studio e contribuire così all'aumento di questo tipo di offerta da parte del Sistema Universitario Torinese". La ristrutturazione de La Manica è piuttosto interessante perché garantisce ai 41 studenti non solo spazi privati dotati di tutti i comfort, manche ampi luoghi di socializzazione. Realizzata su progetto di DAR

Stabat Mater rivela i suoni segreti delle chiese del centro di Torino

La Compagnia di San Paolo continua a valorizzare le chiese del centro storico di Torino; dopo averle restaurate e aver individuato percorsi che le propongono come mete del turismo culturale torinese, ecco un altro progetto per la valorizzazione. Dal 6 febbraio 2019, alcune delle chiese di via Garibaldi ospiteranno lo spettacolo Stabat Mater, prodotto e ideato dalla compagnia teatrale Faber Teater.

chiesa di Santa Chiara a Torino

Concepito e scritto da Antonella Talamonti, lo spettacolo è "un progetto itinerante che mette in suono spazi sacri con caratteristiche storico-architettoniche, acustiche ed emotive molto diverse tra loro. Durante l'esecuzione i cantanti-attori portano il canto in movimento e si posizionano negli spazi più significativi di cui le chiese dispongono. Gli spettatori restano seduti nei banchi e vengono condotti dal canto a scoprire nuove relazioni con lo spazio e la sua acustica. Il suono si muove intorno a loro: dall'abside al pulpito, dalle cappelle laterali al balcone dell'organo, dai matronei alla navata centrale; le posizioni cambiano in relazione alla risposta acustica dello spazio. Le chiese rivelano così le loro risonanze segrete, le loro 'molte voci'" racconta il comunicato stampa della Compagnia di San Paolo, che sostiene il progetto. Non è un'idea fascinosissima per scoprire con nuove chiavi di lettura le chiese del centro storico? Non è ancora tutto.

Lo spettacolo si basa su due momenti, il primo, In corso d'opera, è la preparazione, durante il quale gli artisti provano gli spazi e ne prendono possesso, il secondo è lo spettacolo vero e proprio. Il pubblico potrà partecipare a entrambe le fasi, scoprendo così sia le prove, lo studio delle caratteristiche architettonico-acustiche dell'edificio, sia lo spettacolo, con il risultato finale della preparazione fatta il giorno precedente. Due momenti fascinosi, a ingresso gratuito, fino a esaurimento posti. Questo il calendario degli spettacoli nelle chiese coinvolte:

7 febbraio 2019, ore 21
6 febbraio 2019, ore 16 – In corso d'opera
Chiesa della Misericordia
Via Barbaroux, 41

22 febbraio 2019, ore 21
21 febbraio 2019, ore 16 – In corso d'opera
Chiesa di Santa Chiara
Via delle Orfane, 15

7 marzo 2019, ore 21
6 marzo 2019, ore 16 – In corso d'opera
Cappella dei Mercanti
Via Garibaldi, 25

16 marzo 2019, ore 18
15 marzo 2019, ore 16 – In corso d'opera
Chiesa SS. Trinità
Via Garibaldi, 6

9 aprile 2019, ore 18
Chiesa dei Santi Martiri
Via Garibaldi, 25

15 aprile 2019, ore 21
Duomo di Torino e Cappella della Sindone
Piazza San Giovanni


Commenti