Vista sulla Mole e terrazza nel cortile, valorizzate da Fattore Q in Casa Cos

Immaginate di affacciarvi dalla porta-finestra e di avere davanti, in tutta la sua altezza e maestosità, la meraviglia della Mole Antonelliana. E, sul lato opposto dell'appartamento, la serenità di un cortile torinese dalle atmosfere quiete e atemporali. Come non valorizzarle? Di qui è partito il lavoro dello studio torinese Fattore Q, guidato da Nicoletta Carbotti, per ristrutturare l'appartamento di una coppia, con due figli già adulti e in procinto di lasciare la casa dei genitori in un futuro prossimo. Casa Cos, il nome dell'appartamento ristrutturato.

Casa Cos di Nicoletta Carbotti Casa Cos di Nicoletta Carbotti

Situato in un edificio ottocentesco, l'appartamento originario è stato ridisegnato, in modo da trasformare la terrazza in una sorta di prolungamento del soggiorno nella bella stagione e da godere la vista della Mole Antonelliana affacciati alla finestra della cucina, magari con il primo caffè della giornata dalle mani. Intorno allo spostamento del soggiorno e della cucina, è nato l'intero appartamento. "In origine l'ingresso si apriva direttamente in quello che era allora il soggiorno, di qui si entrava in un corridoio stretto e buio tra le camere, per raggiungere poi, al fondo, la cucina, collocata, con la sala da pranzo, dove adesso c'è il soggiorno. Nella ristrutturazione abbiamo scelto di dividere il soggiorno originario, in modo da creare sul lato cortile un luminoso e breve corridoio che introduce all'attuale soggiorno, mentre sul lato più interno abbiamo ricavato la cabina-armadio, al servizio dei figli, e uno dei due bagni (l'altro è al servizio della camera padronale). Mi è piaciuta l'idea di questo piccolo corridoio dall'ingresso al soggiorno perché apre l'asse visuale su quello che aspetta entrando in casa, con un effetto che preferisco all'ingresso diretto" spiega l'architetta Carbotti.

Casa Cos di Nicoletta Carbotti Casa Cos di Nicoletta Carbotti

La cucina è stata spostata verso la strada "perché volevamo un luogo pubblico della casa in cui fosse visibile la Mole Antonelliana, altrimenti visibile solo dalle camere da letto"; in questo modo si sono "separati soggiorno e cucina, che prima erano sostanzialmente insieme, e in quest'ultima, che non è grandissima, tutto è a vista e mensole e ripiani sono i protagonisti. La portafinestra conduce ad un balcone che si affaccia davanti alla Mole Antonelliana. Un piccolo tavolo consente di pranzare o prendere il caffè guardando proprio questo spettacolo presente fuori dalla finestra". L'arredamento senza pensili, per scelta della proprietaria della casa, contribuisce a rendere l'atmosfera contemporanea, luminosa e leggera.

Casa Cos di Nicoletta Carbotti Casa Cos di Nicoletta Carbotti

Negli interventi nelle case storiche, Nicoletta Carbotti ama "la ricerca della bellezza nell'imperfezione", ovvero nei muri che non sono realizzati perfettamente, nelle nicchiette che si aprono sulle pareti e che possono trovare nuovi usi. E poi c'è quello che è davvero bello, in questo caso, per esempio, il camino, che aveva una canna fumaria funzionante: "Lo abbiamo abbellito con una cornice, il controcuore, e abbiamo inserito la lastra di pietra, per impedire il contatto diretto con il parquet".

Casa Cos di Nicoletta Carbotti Casa Cos di Nicoletta Carbotti

Realizzare lo spostamento degli ambienti non è stato semplice, per le difficoltà tecniche presentate dalla struttura ottocentesca, tipo la pietra enorme sistemata dove non ci si aspetta, che costringe a trovare nuove soluzioni per aggirarla (e permette di inventarsi una nicchia). Ma, realizzati gli impianti e i nuovi spazi, si è passati finalmente alla decorazione degli interni. E qui il lavoro di Nicoletta è stato soprattutto di equilibrio e armonia: "I proprietari avevano tanti bei pezzi nella loro vecchia casa, erano parte della loro memoria di coppia e familiare; anche questo ha aiutato a scegliere cosa portare nel nuovo appartamento, cosa realizzare su misura, cosa comprare".

Casa Cos di Nicoletta Carbotti Casa Cos di Nicoletta Carbotti

Colpisce la convivenza di epoche e oggetti diversi: "L'ingresso, finestrato, è impreziosito da mensole in legno realizzate con tavole antiche acquistate dai rigattieri al Balon. Dal Balon arriva anche il banco da lavoro che campeggia nell'ingresso. Il tavolo del soggiorno era verniciato, adesso la vernice si è consumata, lasciando questo effetto del tempo che apprezzo molto; la grande lampada situata sopra di lui ne accentua la centralità, tra i due archi rinvenuti durante i lavori, mentre le sedie DSW di Eames fanno da contrappunto contemporaneo alle modanature del tavolo e al disegno ottocentesco delle porte" spiega Carbotto. E a sottolineare la centralità del tavolo, anche le scelte cromatiche della parete tra i due archi. Il soggiorno è lo spazio in cui meglio si leggono questi rapporti con tanti elementi diversi: "Le librerie e il mobile tv dal taglio industriale sono stati realizzati su disegno mentre il tavolo, i tappeti e gli imbottiti facevano già parte dei 'pezzi' di famiglia e sono stati reinseriti con grande garbo e attenzione".

Casa Cos di Nicoletta Carbotti Casa Cos di Nicoletta Carbotti

Quando si hanno elementi di storia e provenienza così diverse, sottolinea Carbotti, "l'importante è evitare l'effetto catalogo, trovo siano più belle le case in cui convivono storie; bisogna essere misurati, individuare i pezzi a cui dare protagonismo, in modo da focalizzare l'attenzione su di loro".

Casa Cos di Nicoletta Carbotti Casa Cos di Nicoletta Carbotti

Uno dei due archi del soggiorno porta alla cucina, l'altro alla zona notte, in cui ci sono anche i bagni , la cabina-armadio dei figli e la lavanderia. Qui prevale il bianco con piccoli inserti di colore. "Gli arredi di recupero si alternano a quelli più contemporanei. Il bagno principale è giocato su forme pulite, lineari, contemporanee, mentre il bagno più piccolo strizza l'occhio al passato con l'inserimento di una base lavabo ricavata da un mobile per una macchina da cucire" racconta ancora Nicoletta Carbotti.


Commenti